#NoRiciclati? Vota Mauro Smeraldi sindaco!

31 maggio 2014

Massimo Dragonetti, candidato al consiglio comunale del PD, scrive su facebook con tono perentorio: “l’8 giugno si sceglie tra una proposta completamente nuova di centrosinistra (giunta e gruppo consigliare completamente nuovi, senza nessun riciclato, punto) …”. Mi pare di sognare. Giancarlo Gasparini, candidato sindaco del PD, è in politica dal 1990, quando divenne assessore (incarico retribuito) con Gino Quartieri. E’ stato assessore fino al 1997, quando venne nominato presidente del Coiss, incarico (retribuito) tenuto fino al 2004. Nel 2004 è divenuto consigliere comunale. Così di nuovo nel 2009, quando ha assunto la carica (incarico retribuito) di presidente del consiglio (per la cronaca: percependo l’indennità di carica intera, pur continuando a svolgere la professione a tempo pieno: vedi). E’ dunque in politica a Vignola da 24 anni ed in questo periodo ha ricoperto un po’ tutti gli incarichi disponibili nella politica locale. Eppure Massimo Dragonetti viene a raccontarci #NoRiciclati? C’è forse qualcuno, in queste elezioni 2014, più “riciclato” (uso il linguaggio di Dragonetti) di Gasparini? Di sicuro no. Leggi il seguito di questo post »


Ballottaggio a Vignola! Ecco cosa dice la gente. ;-)

30 maggio 2014

Leggi il seguito di questo post »


Si-può-fare! Ecco perché Smeraldi può vincere al ballottaggio

28 maggio 2014

Il prossimo 8 giugno i cittadini vignolesi saranno chiamati a scegliere il sindaco. Al ballottaggio, com’è noto, vanno Giancarlo Gasparini (PD) e Mauro Smeraldi (liste civiche). Al primo turno Gasparini ha ottenuto 5.649 voti (44,88%); Smeraldi 4.278 voti (33,98%). E’ certamente vero che chi parte dalla seconda posizione ha davanti a sé un compito più impegnativo, dovendo rimontare lo svantaggio. Tuttavia un confronto con quanto avvenuto nel 2009, quando si tenne il ballottaggio tra Daria Denti e Graziano Fiorini (vedi), conferma quanto molti cittadini vignolesi intuiscono: “si può fare”! Vignola può davvero cambiare amministrazione. Vediamo. Leggi il seguito di questo post »


A Vignola sarà ballottaggio tra Gasparini (PD) e Smeraldi (liste civiche)

26 maggio 2014

Nonostante anche a Vignola si registri uno strepitoso “effetto Renzi” alle europee (PD al 54,03%) il candidato sindaco del PD Giancarlo Gasparini non riesce a vincere al primo turno, ma si ferma al 44,87% (dato definitivo: 23 sezioni su 23). Sarà dunque ballottaggio con Mauro Smeraldi (33,98%), sostenuto dalle liste civiche Vignola Cambia, Città di Vignola, Vignola per tutti. L’”effetto Gasparini” è dunque un effetto depressivo: -10% circa rispetto al dato delle europee – a testimoniare che il candidato ha la sua importanza. Lo conferma il risultato della vicina Spilamberto, dove uno strepitoso Umberto Costantini “asfalta” ogni avversario, incrementando addirittura il risultato del PD alle europee (59,58% alle comunali contro 57,79%). Leggi il seguito di questo post »


#IoVotoSmeraldi perché è la proposta migliore per la cultura a Vignola, di Antonio Tavoni

23 maggio 2014

#IoVotoSmeraldi perché è la proposta migliore per la cultura a Vignola, e anche la più credibile. Se prendete il programma comune delle tre liste civiche ci trovate una delle più organiche e complete proposte per la cultura a Vignola. Mi soffermo solo su un paio di aspetti e vi invito davvero ad andarlo a leggere sul sito di Vignola Cambia Lista di Cittadini (vedi). Leggi il seguito di questo post »


Possiamo cambiare Vignola. Con il voto

23 maggio 2014

Head civiciDomenica 25 maggio ogni cittadino vignolese avrà a disposizione l’opportunità di lasciare un segno indelebile nella storia della città. Per la prima volta c’è la possibilità concreta di cambiare amministrazione, voltando pagina dopo una delle esperienze amministrative più deludenti della Vignola del dopoguerra (lo testimonia il fatto che il sindaco Daria Denti ha rinunciato a ricandidarsi dopo la prima legislatura: vedi). Mauro Smeraldi, sostenuto dalle liste civiche Vignola Cambia, Città di Vignola, Vignola per tutti, si propone come candidato sindaco per cambiare il modo di amministrare la città (vedi). Leggi il seguito di questo post »


Il nuovo che avanza, di Mauro Smeraldi

22 maggio 2014

… A nessuno, infatti, sfugge che altre formazioni politiche hanno un candidato a sindaco che “in tenera età” ha deciso di andare in pensione per diventare un professionista della politica, se sarà eletto sindaco…
Con queste parole, espressione di miseria e disonestà intellettuale, si conclude uno sproloquio di Rossella Masetti, portavoce del PD di Vignola, riferito al sottoscritto. Dopo vari attacchi personali la misura è colma. Leggi il seguito di questo post »


Su partecipazione e democrazia locale liste civiche battono PD 4 a 0

22 maggio 2014

Tutti coloro che guardano in modo oggettivo al funzionamento della democrazia riconoscono che la sfida di questi anni è contrastare il senso di sfiducia dei cittadini. L’ambito comunale si presta particolarmente bene per fronteggiare questa sfida sia per la maggiore vicinanza tra cittadini ed istituzioni, sia perché è più facile sperimentare politiche innovative in termini di trasparenza, informazione ai cittadini, coinvolgimento e partecipazione. Normale prerequisito, ovviamente, è che si abbiano le idee chiare sugli obiettivi e sulle modalità per perseguirli. Risulta dunque sorprendente (almeno per me) la “povertà culturale” esibita dal programma del PD su questi aspetti. Per converso, chi sia alla ricerca di una visione un minimo evoluta su come far funzionare meglio la democrazia rappresentativa locale e su come innestarvi strutture e processi di ascolto, coinvolgimento, partecipazione dei cittadini (vedi) trova proposte interessanti nel programma (vedi alle pp.7-10) delle tre liste civiche – Vignola Cambia, Città di Vignola, Vignola per tutti – che sostengono la candidatura di Mauro Smeraldi. Vale la pena spenderci qualche minuto e ragionare su questa significativa differenza di programma. Leggi il seguito di questo post »


Liste civiche e M5S: sei impegni per l’Unione Terre di Castelli

21 maggio 2014

E’ stato presentato sabato mattina a Savignano nel corso di una conferenza stampa. Si tratta del “Patto per l’Unione Terre di Castelli” firmato da quattro candidati sindaco: Mauro Smeraldi, liste civiche di Vignola; Germano Caroli, sindaco uscente della lista civica di Savignano; Filippo Gianaroli, M5S di Castelvetro; Fiorella Anderlini, M5S di Spilamberto. Il “Patto” è articolato in sei punti programmatici relativi alla difesa del territorio, alla gestione dei rifiuti, alla democrazia locale ed altro ancora. E’ la testimonianza della possibilità di un salto di qualità nelle politiche dell’Unione. Il PD, intanto, risulta non pervenuto. #Armatabrancaleone? Leggi il seguito di questo post »


Cosa succede in città? Considerazioni sulle elezioni comunali del 25 maggio a Vignola

20 maggio 2014

La scelta che abbiamo fatto è di allargarci al contributo non tanto dei partiti, quanto soprattutto di liste civiche, che comprendono esponenti che in passato erano vicini al centrodestra o al M5S. Con loro abbiamo sottoscritto un patto, in nome della responsabilità di governo.” Qualcuno potrebbe pensare che si tratti delle parole con cui Mauro Smeraldi illustra ai cittadini vignolesi la coalizione civica che sostiene la sua candidatura. Invece no. Sono parole di Stefano Bonaccini, segretario regionale del PD, rilasciate al quotidiano Europa il 17 maggio scorso (vedi). Una strategia che si è concretizzata anche nella realtà vignolese con l’abbinamento di una seconda lista, variamente eterogenea, a quella PD (per un commento: vedi). Partiamo da qui per svolgere alcune considerazioni sulla campagna elettorale oramai al termine e sulle elezioni comunali del prossimo 25 maggio. Leggi il seguito di questo post »