Quando gli amministratori fanno flop. Misurare la performance in politica

28 maggio 2010

Nella seduta consiliare dello scorso 25 maggio l’assessore alla formazione ed al sociale del Comune di Vignola ha riferito del progetto Piedibus, il progetto di accompagnamento collettivo a scuola a piedi di alunni del plesso elementare G.Mazzini. Il progetto ha preso il via sperimentalmente il 3 maggio con un discreto successo in termini di adesioni. Ma dal punto di vista organizzativo è stato un flop. Le adesioni “teoriche” dei volontari-accompagnatori (genitori, nonni, parenti) non si sono tradotte in una presenza effettiva, per cui per l’accompagnamento dei bambini si è dovuto ricorrere a personale comunale o ad assessori! Va dato merito all’assessore alla formazione ed al vicesindaco di essersi prestati a fare da volontari-accompagnatori. Un gesto che magari accrescerà anche le simpatie dei cittadini vignolesi nei loro confronti. Ma sta di fatto che un progetto non certo complesso come quello del Piedibus, per un aspetto importante ha fatto flop. Forse già gli ultimi giorni di questa “fase sperimentale” potranno essere introdotti correttivi. Probabilmente a settembre il Piedibus partirà perfettamente funzionante. Io me lo auguro, perché il progetto va nella giusta direzione: quella di contribuire a cambiare i comportamenti dei cittadini per renderli socialmente ed ambientalmente più attenti. Ma questo episodio fa emergere in modo chiaro – se evitiamo di cancellare troppo frettolosamente l’episodio attribuendone la responsabilità tutta alle “forze” esterne (genitori che hanno dato una disponibilità teorica, ma non una presenza reale) – un problema di performance, un problema di capacità di portare a compimento un progetto peraltro solo minimamente complesso. Se fa flop l’organizzazione del Piedibus, cosa dobbiamo attenderci per progetti assai più complessi come il dimensionamento e la realizzazione del nuovo Polo Scolastico, per la riqualificazione dell’ex-mercato ortofrutticolo, per le azioni di marketing territoriale o per il nuovo PSC? Leggi il seguito di questo post »


Il testamento di un tiglio

28 maggio 2010

A via della Partecipazione non hanno potuto prendere parte. Qualcuno si è dunque premurato di sollecitare l’espressione del loro punto di vista. Mi riferisco ai 27 tigli di via Barella, rispetto a cui l’amministrazione comunale ha deciso l’abbattimento (secondo motivazioni non convincenti: vedi). Uno di loro ha scritto una lettera al sindaco di Vignola. Una sorta di testamento. Ascoltiamolo.


La “rivoluzione” della trasparenza: arriverà mai in Comune a Vignola?

24 maggio 2010

“Trasparenza e partecipazione sono le parole d’ordine di questa Amministrazione” – così recita il comunicato stampa n.66 del 28 aprile 2010 del Comune di Vignola (si tratta di una replica ad un comunicato della lista Vignola Cambia in cui veniva presentata una propria mozione in tema di trasparenza). Verrebbe voglia di crederci, tanto il tema è importante. Ma non è il caso. Della partecipazione abbiamo visto com’è andata. Leggi il seguito di questo post »


Via Barella for dummies

23 maggio 2010

Ieri ho avuto una discussione accesa con il vicesindaco Mauro Montanari sulla vicenda di via Barella (l’abbattimento dei 27 tigli –  vedi – che inizierà da domani, 24 maggio). Mi ero fermato un attimo al banchetto per la raccolta firme sul referendum – presente a Vignola grazie al lavoro della lista di cittadini Vignola Cambia. E’ stato un incontro casuale, lui passava di lì ed Erio Ricchi, residente in via Barella, l’ha fermato. Ne è scaturita una discussione accesa. Mauro Montanari è persona seria. Ma nel corso della discussione ho capito che non ci intendiamo. Lui è convinto che l’amministrazione comunale abbia seguito un solo principio: “Fa la cosa giusta!”. Io sono convinto che le cose non stiano affatto così. Sono convinto che la partecipazione dei cittadini alla progettazione di via Barella e via Libertà – “Via della partecipazione” (vedi) – sia stata gestita in modo maldestro e finanche manipolatorio (vedi). Montanari ha riconosciuto l’esistenza di “qualche sbavatura” sull’esperienza di partecipazione. Ma su via Barella è convinto che non ci sia altra strada che l’abbattimento degli alberi, i 27 tigli. Sull’argomento ho scritto diversi post. Forse ho scritto cose troppo lunghe. Forse ho scritto cose troppo articolate, troppo sofisticate. Forse ho scritto troppo e dunque ogni osservazione che faccio viene intesa come un intervento di chi “rompe i coglioni”. Vorrei però compiere un ultimo (disperato?) tentativo, nell’intento di “intendersi”. Anche perché ne va della credibilità dei “percorsi partecipativi” su cui sembra che l’amministrazione comunale voglia spendersi in questa legislatura. Insomma, voglio provare a scrivere un post terra-terra, una volta tanto. “Via Barella expliqué aux enfants” – come direbbe Lyotard. O “via Barella for dummies”, secondo lo stile della manualistica d’oggigiorno.

Via Barella nei pressi di via per Sassuolo: i tre tigli che si vedono nella foto hanno già subito, più di 5 anni fa, un intervento di sistemazione del marciapiede, ma sono ancora in buona salute. Ecco perché è lecito dubitare della necessità di abbattere tutti i 27 tigli della via per sistemare il marciapiede! (foto del 31 ottobre 2009)

Leggi il seguito di questo post »


Vignola ha perso il rapporto con la sua collina

23 maggio 2010

Al giorno d’oggi abitare in città significa sempre più perdere il contatto con l’ambiente circostante, con la campagna ed il resto del territorio. Le cause di ciò sono molteplici. Il complesso dei bisogni alimentari è soddisfatto da pochissime grandi strutture: supermercati ed ipermercati. Le relazioni punto-punto con le aziende agricole del territorio non ci sono più da tempo, né sembra potersi affidare per ricostruirle ad una “Strada dei vini e dei sapori” in crisi economica e di idee (vedi1; vedi2). Oltre a ciò una mobilità tutta centrata sull’automobile porta a conoscere il territorio come se questo fosse limitato alla porzione immediatamente a ridosso delle strade. Il paesaggio più “frequentato” è quello che si vede dal finestrino dell’automobile – come se esso fosse in realtà null’altro che una serie di fondali di cartone che costeggiano la strada. Questi ed altri tratti della vita moderna hanno come conseguenza una conoscenza molto selettiva del territorio ed una generale perdita di consapevolezza e di significato di una rilevante parte dei “segni” storici della presenza dell’uomo. Anche Vignola ed i suoi abitanti soffrono di questa sindrome. Leggi il seguito di questo post »


Buchi nell’acqua. Il PD e i tre referendum

20 maggio 2010

Il PD ha deciso di non aderire alla campagna referendaria sull’acqua. Si limita a “guardare con simpatia” i movimenti che contrastano l’impostazione del governo in tema di acqua, che contrastano cioè la norma che ne dispone la privatizzazione della gestione entro il 2015. “Guarda con simpatia” chi, secondo quanto esso stesso dichiara, sta lanciando … un boomerang. Secondo questa formulazione l’azione referendaria sarebbe dannosa (vedi). Una insinuazione che si affianca a quella un po’ più benevola che afferma che l’azione referendaria è “solo” inutile: “sono 15 anni che il referendum non raggiunge gli obiettivi prefissati” e, oltre a questo, “il referendum per sua stessa natura ha una natura abrogativa, va contro qualcosa e non ha nulla di propositivo”. Già il conciliare questi elementi – il referendum è inutile, il referendum è dannoso, ma ad esso guardiamo con “simpatia” – è cosa impegnativa. Ma il PD vorrebbe anche convincere che la raccolta di un milione di firme per una legge di iniziativa popolare è decisamente più efficace. Leggi il seguito di questo post »


Via della Partecipazione. Cos’é andato storto? Cosa abbiamo imparato?

18 maggio 2010

L’amministrazione comunale vuole dare l’idea di aver fatto proprio il tema della partecipazione dei cittadini agli “affari” della città. E’ anche questo un modo di reagire alle difficoltà elettorali del giugno 2009 (il PD per la prima volta al ballottaggio a Vignola). Ed in particolare è il tentativo di fare proprio il tema di “più democrazia, più partecipazione” sollevato soprattutto dalla lista di cittadini Vignola Cambia. Sino ad allora il tema della partecipazione non aveva ricevuto grande attenzione da parte del PD che, ad esempio, non dice nulla in proposito nel suo programma elettorale (vedi il punto 8 del post dedicato ad esso il 15 maggio 2009: vedi). Comunque sia, sta di fatto che oggi anche l’amministrazione comunale retta dal sindaco Daria Denti vorrebbe innalzare il vessillo della partecipazione. Anzi la “partecipazione” sembra quasi essere diventata l’ingrediente taumaturgico dei malanni della politica cittadina e per questo va ficcata in ogni dove. Di questa ansia di dimostrare che con la partecipazione si vuole fare sul serio ci sono innumerevoli testimonianze. Se l’amministrazione organizza un incontro con i cittadini per analizzare un problema di viabilità, ecco che l’evento diventa subito un “incontro partecipato” (sic!) come recita il titolo del comunicato stampa n.55 del 13 aprile 2010. Attività routinarie per qualsiasi amministrazione – come un semplice incontro con i cittadini – vengono subito rubricate sotto l’etichetta “partecipazione”. Leggi il seguito di questo post »