Trent’anni di errori sul fiume Panaro. E ora?

29 aprile 2017

J_fiume-31mar2012-010

La situazione in cui versa oggi il fiume è il frutto di decenni di rapina, di abbandono e di interventi a dir poco errati nella sua gestione complessiva” – è un passaggio del testo di presentazione dell’incontro tenutosi a Marano il 20 aprile scorso dedicato a “Il fiume vivente … trent’anni dopo”, iniziativa promossa dall’associazione AmbientInForma (AIF) ed altre associazioni locali (vedi). L’iniziativa, focalizzata sul tratto del medio Panaro (sostanzialmente il tratto che attraversa il territorio dell’Unione Terre di Castelli), ha messo in luce i guasti della cattiva modernizzazione: sfruttamento del fiume per fini economici privati senza preoccupazione per la sostenibilità del lungo periodo (ovvero produzione di ricchezza privata e di danni per la collettività, es. con l’estrazione ghiaia), frammentazione del corso del fiume tramite le traverse in alveo, conseguente erosione ed abbassamento del letto fluviale con relativa alterazione di flora e fauna, inadeguatezza dei dispositivi di amministrazione della tutela e manutenzione (frammentazione delle competenze con conseguente inefficienza del “governo”). Ma se tutto il medio Panaro è in sofferenza, è indubbiamente il tratto vignolese (quello tra il ponte Muratori ed il ponte della ferrovia) il tratto che ha subito gli sconvolgimenti maggiori, tanto da risultare assolutamente irriconoscibile (vedi).
Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Percorso Sole allo sbando? Ottimisti

23 luglio 2016

Gazzetta 23lug2016.jpg

Droga e balordi di notte: Percorso Sole allo sbando” – è il titolo che campeggia sulla Gazzetta di Modena di oggi, sabato 23 luglio 2016. Un articolo originato da un recente controllo dei Carabinieri che, in realtà, non è che abbia messo in luce granché. Una coppia di “ragazzi” (lei italiana, lui magrebino) con un’accetta in uno zaino – denunciati, così pare, per il “possesso di strumenti atti ad offendere”. E automaticamente definiti “due balordi” dall’articolista (peraltro anonimo, visto che il pezzo non è firmato). Ma anche tre ragazzi (età 20-22 anni) scoperti non lungo il Percorso Sole, ma “nei pressi … a ridosso della piscina, con modiche quantità di hascisc.Leggi il seguito di questo post »


Baracche lungo il fiume Panaro. C’è possibilità di riqualificare l’area nell’ambito del Contratto di Fiume?

12 ottobre 2014

B_Home 6gen2014 078

La risposta fornita dall’amministrazione comunale ad un’interrogazione del gruppo consiliare PD ci consente di conoscere lo stato dell’area verde attraversata dal “Percorso Natura”, in margine al fiume Panaro (appena al di sopra dell’area propriamente golenale). Chiunque frequenti tale “Percorso Natura”, relativamente al tratto tra il Ponte Muratori ed il confine con Spilamberto, incontra a più riprese aree recintate e baracche che testimoniano del degrado dell’area (vedi). Formalmente noto dall’anno 2000 il problema è lungi dall’essere in via di risoluzione, anche se una incerta prospettiva è affidata alle azioni conseguenti al “Contratto di fiume” (ratificato dagli enti coinvolti a fine 2012: vedi) e che ora si vorrebbe finalmente far decollare. Leggi il seguito di questo post »