Una modesta proposta/6. Tolleranza Zoro con chi viaggia con bici+treno sulla linea Vignola-Bologna

29 maggio 2011

Sulle due più importanti linee ferroviarie gestite da FER Srl (la Bologna-Portomaggiore e la Bologna-Vignola) da lunedì 16 maggio è partita una sorta di campagna “tolleranza zero” nei confronti di chi non è in regola con i titoli di viaggio (FER Play, il nome della campagna: vedi). Ben fatto! Anche se la campagna mette un’enfasi eccessiva sul tema sicurezza (hanno assoldato anche alcuni “vigilantes” impiegati, temporaneamente, presso le stazioni) e lascia in ombra, invece, il tema delle facilitazioni necessarie per mettere tutti in condizione di acquistare ed obliterare il biglietto (faccio solo un esempio: la macchina emettitrice di biglietti alla stazione di Vignola è stata tolta un anno fa e poi mai più rimessa). Comunque su queste cose l’associazione degli utenti ha avanzato diverse osservazioni confidando che vengano recepite e tradotte operativamente con tempestività. In questo post mi vorrei però soffermare su un tema minore, a partire da un episodio di cui sono stato testimone in questi giorni, quando ad un utente presentatosi alla stazione (se ben ricordo Zola Comune) con la bicicletta è stato impedito di salire sul treno perché non aveva prenotato. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Centrale di cogenerazione ad olio di colza: ecco come sarà

29 maggio 2011

Ricevo dall’Arch. Flavio Quintavalli, uno dei progettisti, questa foto di una centrale di cogenerazione ad olio di colza dello stesso tipo di quella oggetto della richiesta di autorizzazione alla costruzione e gestione avanzata dalla società Boschi Gino Srl di Vignola. E’ un contributo alla conoscenza del progetto, vista la discussione in atto sia su questo blog (vedi) sia tra le forze politiche in relazione alla deliberazione consiliare che formalizza le valutazioni del comune di Vignola (assunta nella seduta del 25 maggio scorso). L’autorizzazione sarà rilasciata dalla Provincia di Modena in base all’esito dei lavori dell’apposita Conferenza dei servizi (la prossima seduta è programmata per il 30 maggio) a cui partecipa, tramite un proprio funzionario incaricato, anche il comune di Vignola.

Una centrale di cogenerazione ad olio di colza come quella del progetto vignolese


Paesaggi del degrado lungo il medio fiume Panaro, di Francesco Uccellari

28 maggio 2011

Ho chiesto a Francesco Uccellari, neo-laureato residente a Guiglia, di scrivere per AmareVignola un breve testo che prenda spunto dalla sua tesi di laurea sui “paesaggi del degrado”, visto che il caso da lui studiato è quello del paesaggio fluviale e perifluviale del fiume Panaro nel tratto tra Spilamberto e Marano (sostanzialmente il tratto interessato dal Contratto di fiume). Francesco mi aveva contattato per avere alcune mie foto utili per la tesi (vedi). Gli ho quindi proposto questo “scambio”, ritenendo che il tema fosse assai interessante per i residenti a Vignola e dintorni. Colgo l’occasione per ringraziarlo e per augurargli buon lavoro.

Il tema da cui sono partito per le ricerche per la mia tesi di laurea è stato quello dei paesaggi del degrado, suscitatomi da una serie di riflessioni che la Regione Emilia-Romagna sta affrontando per adeguare i suoi strumenti di pianificazione agli indirizzi in materia di livello europeo e nazionale. La scelta di occuparmi di un paesaggio vicino alla mia esperienza (sono residente nel comune di Guiglia) è conseguente quindi alla volontà di sperimentare una modalità di ricerca in merito alla trasformazione dei paesaggi contemporanei ed al loro degrado; ho scelto l’ambito del fiume Panaro come “caso studio” in quanto poteva presentare una serie di situazioni-tipo, che mi avrebbero permesso di effettuare diversi ragionamenti. Leggi il seguito di questo post »


Code di paglia. Ecco perché l’amministrazione comunale non accoglie la richiesta di progettazione partecipata del parco di via di Mezzo

26 maggio 2011

All’ultimo punto del consiglio comunale del 25 maggio scorso era posto all’ordine del giorno la mozione di Vignola Cambia intitolata “Progettazione partecipata per il parco di via di Mezzo!”. La vicenda dovrebbe essere nota: dopo un po’ di tribolazioni parte finalmente la realizzazione del percorso ciclo-pedonale che andrà a sostituire l’attuale via di Mezzo (in parte), con annessa area di verde pubblico. Il progetto è stato ridimensionato per far fronte alla riduzione delle risorse (da 1 milione a 310.000 euro). Ci sarebbero buone ragioni per coinvolgere i cittadini nella progettazione del nuovo parco. Io ne ho parlato in un post (vedi) e Vignola Cambia ha tradotto quella prospettiva in una richiesta vincolante per la giunta, insomma una “mozione”. Che appunto è stata presentata e discussa nel consiglio del 25 maggio. Risultato: non se ne farà nulla. Ma come? Non è questa l’amministrazione comunale che non tralascia mai di dire di essere per la partecipazione? Non è questa l’amministrazione che ha tanta ansia di dimostrare l’impegno a promuovere la partecipazione dei cittadini da scrivere in un comunicato stampa (n.55/2010) che avrebbe convocato un “incontro partecipato (sic!) tra amministratori e cittadini”? Non è Daria Denti quel sindaco che definendo le sue priorità nella prima fase della legislatura dichiarava: “maggiore partecipazione dei cittadini, tutela del territorio, sicurezza” (Comunica, n.4, 2009, p.34). Dunque: “maggiore partecipazione dei cittadini”. Addirittura al primo posto! Eppure appena si presenta un’occasione un minimo importante – un parco da 9.500 mq – e neanche troppo impegnativa (non ci sono conflitti da gestire), l’amministrazione se la lascia scappare! No, in effetti non è così. E che questi vanno dove volge il vento e, soprattutto, la convenienza. Delle impegnative dichiarazioni di qualche mese prima (“maggiore partecipazione dei cittadini”) se ne sono già dimenticati, come capita a tutti coloro che ragionano non in base a convinzioni, ma a convenienze.  Guardiamo un attimo il castello argomentativo messo in campo per respingere una richiesta (progettazione partecipata del parco) che non fa altro che esplicitare impegni che la giunta stessa aveva affermato. Leggi il seguito di questo post »


Si arriva a un punto che la misura è colma, di Roberto Adani

22 maggio 2011

Si arriva a un punto che la misura è colma. Va bene assumersi ogni responsabilità e colpe relative ad un PRG che non hai fatto. Ho dovuto chiudere mio malgrado la sola fase delle osservazioni proponendo l’accoglimento di quelle che la precedente amministrazione si era già impegnata a portare in consiglio con parere favorevole, mediando con le nuove forze politiche presenti in maggioranza. Pazienza. Capita, a fare il sindaco, di dovere agire e dare continuità ad atti amministrativi precedenti. Poi arriva una fase di grande boom del settore edilizio e il PRG che doveva durare 20 anni rischia di essere bruciato in alcuni anni. Pazienza ancora, le regole sono regole, una volta fissati i diritti edificatori diventano intoccabili. Pazienza per il “sindaco basta cemento”. Pazienza per il fatto che non ci sia stato nessuno di nessuna forza politica, per verità nemmeno del partito a cui appartengo, a dire che c’erano anche gli altri, che tutte le decisioni sono state vagliate da tutti i partiti della maggioranza e che sono state regolarmente approvate dai consigli comunali. Pazienza se sono rimasto solo a dire che qualcosa nel vecchio piano andava cambiato. Pazienza se i partiti della maggioranza non hanno gradito che i sindaci uscenti volessero approvare a fine legislatura e il più in fretta possibile un nuovo PSC, anche se questo aveva l’obiettivo di fermare l’ulteriore consumo di territorio. Pazienza per le ville a Campiglio, gli attici al Mulino Marmi e – “notizia” di qualche giorno fa – ben 7 appartamenti. Leggi il seguito di questo post »


Cacciatori di petrolio nella valle del Panaro. Cresce la protesta

21 maggio 2011

Come indigeni che armati di arco e frecce cercano di fermare i bulldozer che spianano la foresta amazzonica, numerosi cittadini ed anche tanti amministratori locali stanno cercando di bloccare il progetto di ricerca di idrocarburi denominato “Fiume Panaro” presentato alla Regione dalla Hunt Oil Company (Hunt Oil significa “cacciatori di petrolio”), con sede a Dallas nel Texas (vedi). L’attività di esplorazione non riguarderà direttamente il territorio vignolese, ma quello confinante di Savignano, Marano, Guiglia, Zocca, Montese e di altri comuni dell’Appennino a cavallo tra la provincia di Modena e Bologna. Questa vicenda è interessante per diversi motivi. Si può iniziare, in primo luogo, affermando: “è la globalizzazione, bellezza!”. Una grande compagnia texana, da decenni impegnata su scala mondiale nella ricerca di petrolio e gas metano (la prima ad ottenere permessi di esplorazione nel Kurdistan, nel Nord Iraq: vedi), viene in Italia alla ricerca di giacimenti da sfruttare (“coltivare” è il termine tecnico usato nella legislazione nazionale!). Inserendosi nella maglie larghe di una politica energetica nazionale contraddittoria, fatta di “minacce” di centrali nucleari e nuova ricerca e sfruttamento degli idrocarburi, ma che non ha ancora deciso di investire con forza sulle fonti energetiche rinnovabili. Il secondo motivo di interesse è il movimento di protesta che questo progetto ha scatenato. Come le popolazioni indigene dei paesi “non ancora sviluppati” reagiscono alla colonizzazione di potenze straniere – oggi sempre più aziende private multinazionali, non stati imperialisti – anche qui le popolazioni residenti (una assai ristretta minoranza in verità) , ma anche tanti sindaci ed amministratori, non ci stanno ad accettare i rischi (della fase esplorativa) e le prospettive future (l’eventuale installazione di impianti di estrazione) in un territorio che vorrebbero incamminare su un diverso sentiero di sviluppo. Leggi il seguito di questo post »


Una centrale ad olio di colza a Vignola? Possiamo dire di no?

19 maggio 2011

Non è improbabile che Vignola abbia presto la sua centrale di cogenerazione ad olio di colza, un olio vegetale utilizzato come combustibile (vedi). E’ infatti in corso il procedimento per il rilascio di un’autorizzazione, richiesta dalla società Boschi Gino Srl alla provincia di Modena, titolare del procedimento. L’impianto (da 0,5 MW) sorgerebbe in via Garofolana, angolo via Confine, poco distante dal tracciato della Pedemontana. La società, evidentemente certa di ottenere l’autorizzazione richiesta, ha comunque già iniziato i lavori (poi sospesi a seguito di una richiesta di chiarimenti avanzata dal comune di Vignola). L’uso della colza e dunque del suo olio fa ricadere il progetto tra quelli ammessi a incentivi statali (i “certificati verdi”, titoli spendibili sul mercato) – la centrale userebbe infatti fonti rinnovabili (non combustibile fossile). Insomma, si tratterebbe di un pezzo di green economy. Dunque, dove sta il problema? Vediamo. Leggi il seguito di questo post »