Ultima chiamata per cambiare davvero Vignola. Domenica al ballottaggio vota Mauro Smeraldi sindaco

5 giugno 2014

Questa lunga, tribolata, non proprio entusiasmante campagna elettorale ha portato i cittadini vignolesi ad un passo soltanto da un risultato storico: quello di cambiare davvero amministrazione e di mettere in atto una “rivoluzione” locale. Un nuovo modo di fare politica: più ascolto e partecipazione dei cittadini (qui le differenze programmatiche tra liste civiche e PD sono enormi: vedi), il coinvolgimento di tutti per fare di Vignola una città sostenibile, dunque che guarda al futuro (anche qui le differenze si toccano con mano: vedi), meno spese per la macchina amministrativa e più per lo sviluppo economico e la creazione di occupazione, cultura e turismo come leve per lo sviluppo locale (certo, lo si dice da tempo, senza però che chi amministra abbia conseguito risultati significativi in proposito). Compiere quest’ultimo passo non è però cosa banale. Il risultato è a portata di mano (vedi), ma l’incertezza è molta. Ho anticipato la conclusione, ed ecco ora gli argomenti per arrivarci. Leggi il seguito di questo post »


Vignola CambiaVerso per davvero. Cinque motivi per scegliere Mauro Smeraldi sindaco!

4 giugno 2014

Quanto sono differenti i programmi dei due candidati che si affronteranno al ballottaggio il prossimo 8 giugno? Vorrei partire da un esempio per introdurre questo tema. Meno banale di quanto sembra, l’esempio è quello di una proposta enfatizzata da entrambi i candidati in questi giorni (e che potrebbe far pensare ad una certa sovrapposizione): “riaprire il municipio ai cittadini”. Non si tratta solo di aprire nuovamente la porta principale del municipio ai cittadini, dopo che l’amministrazione Denti l’ha chiusa qualche anno fa (costringendo i cittadini a fermarsi allo “Sportello Uno” – il nuovo front office che oggi tutti dicono vada ampiamente riorganizzato). Nel programma delle tre liste civiche che sostengono Smeraldi questa non è solo un’azione fisica da compiere non appena insediata la nuova amministrazione, ma la metafora di un ridisegno del rapporto tra amministrazione e cittadini (che si concretizza, ad esempio, nell’esperienza in corso stasera de “La parola ai cittadini”, con Paolo Michelotto: vedi) (per una trattazione più estesa: vedi). Nulla di questo si trova nel programma del candidato PD Gasparini – se non slogan superficiali. Come in questo caso, anche in molti altri le differenze ci sono e sono significative. Eccone alcune, presentate dal punto di vista delle liste civiche. Leggi il seguito di questo post »


Si-può-fare! Ecco perché Smeraldi può vincere al ballottaggio

28 Maggio 2014

Il prossimo 8 giugno i cittadini vignolesi saranno chiamati a scegliere il sindaco. Al ballottaggio, com’è noto, vanno Giancarlo Gasparini (PD) e Mauro Smeraldi (liste civiche). Al primo turno Gasparini ha ottenuto 5.649 voti (44,88%); Smeraldi 4.278 voti (33,98%). E’ certamente vero che chi parte dalla seconda posizione ha davanti a sé un compito più impegnativo, dovendo rimontare lo svantaggio. Tuttavia un confronto con quanto avvenuto nel 2009, quando si tenne il ballottaggio tra Daria Denti e Graziano Fiorini (vedi), conferma quanto molti cittadini vignolesi intuiscono: “si può fare”! Vignola può davvero cambiare amministrazione. Vediamo. Leggi il seguito di questo post »


Il grande freddo. Analisi del voto vignolese

23 giugno 2009

Alla fine quello che conta è vincere. “Pur sempre di vittoria si tratta”: scrive giustamente la Gazzetta di Modena di oggi, rilevando lo scarto ridotto tra i due contendenti. Al ballottaggio Daria Denti prende 6.036 voti (pari al 52,47%) e diventa sindaco di Vignola. Graziano Fiorini “si ferma” a 5.467 (47,53%). E’ giusta la soddisfazione di Daria Denti per il risultato. Questa campagna elettorale è stata, in effetti, più dura ed impegnativa del previsto – per lei e per il PD. Pur con tutte le incombenze dell’avvio di una nuova amministrazione sarebbe opportuno organizzare un serio momento di analisi, “recuperando” quella lettura “critica” dei dieci anni di amministrazione Adani che sinora è stata fatta in modo decisamente superficiale – sia nel PD che nella città (e su di ciò Adani stesso porta indubbiamente una parte di responsabilità). Leggi il seguito di questo post »


Per Daria Denti due strategie verso il ballottaggio

11 giugno 2009

Entusiasmo nel centrodestra, sconcerto dall’altra parte. Sono in tanti nel campo del centrosinistra ad interrogarsi sul “che fare?” Sono in tanti i cittadini di Vignola, anche variamente schierati al primo turno, che cercano di scrutare l’orizzonte del 21 e 22 giugno prossimi. Ancora due settimane di “campagna elettorale”. Con due candidati, solo due, che hanno la responsabilità oggi di agire ed eventualmente ri-formulare le loro proposte per il governo della città. E’ bene essere consapevoli che non esiste il fato. Che non c’è un’unica strada tracciata. Ognuno dei due candidati ha di fronte più opzioni. Ed il risultato finale sarà, in una qualche misura, anche il risultato della “combinazione” delle diverse strategie intraprese. Leggi il seguito di questo post »