Nuovo treno elettrico ETR350 sulla linea Bologna-Vignola

22 settembre 2013
Foto 21gen2013 020Foto 21gen2013 028Foto 21gen2013 016Foto 21gen2013 038Foto 4apr2013 005Foto 19set2013 013
Foto 19set2013 020Foto 19set2013 019Foto 20set2013 159Foto 20set2013 163Foto 22set2013 024Foto 22set2013 040
Foto 22set2013 068Foto 22set2013 101Foto 22set2013 105Foto 22set2013 111Foto 22set2013 134Foto 22set2013 123
Foto 22set2013 135

Nuovo treno elettrico ETR350 sulla linea Bologna-Vignola, un set su Flickr.

Da venerdì 6 settembre il primo treno elettrico ETR350 è in servizio sulla linea ferroviaria Bologna-Vignola. E’ un’ottima notizia e speriamo che molto presto anche il secondo ETR350 possa entrare in servizio, seguito poi dagli altri necessari (per coprire tutte le corse servono 4 treni). Ma l’associazione degli utenti avverte: “Come una rondine non fa primavera, così non basta un ETR350 (o anche due) a fare un servizio ferroviario di qualità” (vedi). Intanto oggi, 22 settembre 2013, c’é stato il viaggio inaugurale con le autorità. Qui alcune foto: dalla prima presentazione ufficiale (il 21 gennaio 2013) fino ad oggi.


Ferrovia Vignola-Bologna: prigionieri sul treno bloccato da un principio d’incendio

15 giugno 2013

Da anni la sociologia studia l’interazione tra organizzazione ed incidenti tecnologici. Chernobyl e lo Space Shuttle Columbia sono i casi più eclatanti. “Buchi” nelle procedure organizzative possono agevolare o scatenare l’insorgere di incidenti catastrofici. Gli incidenti, a loro volta, sono test interessanti della funzionalità organizzativa. Piccoli incidenti tecnologici si verificano con una certa frequenza – è uno dei costi del progresso. E quando si verificano pongono sotto stress le organizzazioni che hanno in carico quelle tecnologie, rivelando a volte aspetti di fragilità organizzativa, quando non vera e propria disorganizzazione. Un caso siffatto si è verificato ieri, venerdì 14 giugno, sulla linea ferroviaria Bologna-Vignola. Leggi il seguito di questo post »


Ecco il nuovo ETR 350, il treno elettrico atteso tra qualche mese sulla linea Vignola-Bologna.

21 gennaio 2013
Il nuovo treno elettrico ETR 350 presentato questa mattina alla stazione di Bologna Centrale. Tra qualche mese verrà messo in esercizio sulla Vignola-Bologna (foto del 21 gennaio 2013)

Il nuovo treno elettrico ETR 350 presentato questa mattina alla stazione di Bologna Centrale. Tra qualche mese verrà messo in esercizio sulla Vignola-Bologna (foto del 21 gennaio 2013)

Sono stati pubblicamente presentati questa mattina, al piazzale est della stazione di Bologna Centrale, i nuovi treni elettrici ETR 350, acquistati dalla Regione Emilia-Romagna e che tra qualche mese verranno messi in esercizio anche sulla linea Vignola-Bologna. Si tratta di un investimento importante (circa 75 milioni di euro per 12 treni realizzati dalla svizzera Stadler) che si unisce ad altri acquisti recenti (i 12 treni ATR220 Pesa, ancora diesel, messi in funzione tra 2010 e 2011) e che contribuisce ad ammodernare i mezzi del Servizio Ferroviario Regionale. Ad esso appartiene la linea Vignola-Bologna  – la seconda linea per numero di passeggeri trasportati. Leggi il seguito di questo post »


Al passaggio del treno le sbarre del passaggio a livello non si abbassano! Incrociamo le dita.

21 settembre 2012

Ovviamente i comunicati stampa della Regione Emilia-Romagna e di TPER magnificano gli investimenti fatti in questi ultimi anni sulla linea ferroviaria Bologna-Vignola. Però forse le cose non vanno così bene come si vuole far credere. Visto che ancora oggi succede che ad un passaggio a livello le sbarre non si abbassino al transitare del treno! E’ successo giovedì 20 settembre. Il treno era un vecchio ALN668, quello partito da Bologna alle ore 15.16 (in “gergo” il treno regionale 11467). Arrivato nelle basse di Vignola (era circa le 16.20, il treno aveva qualche minuto di ritardo), in prossimità del passaggio a livello di via Casella Gatta, il macchinista si è accorto che le sbarre del passaggio a livello non si erano abbassate! Leggi il seguito di questo post »


Bici in treno: perché non si riesce a farne un’opportunità quotidiana?

31 marzo 2012

La Regione Emilia-Romagna e TPER (la nuova azienda nata dalla fusione di ATC e FER) lanciano l’iniziativa “La tua bici va in treno” partendo proprio dalla ferrovia Vignola-Bologna (vedi). Di cosa si tratta? In pratica viene assicurato il trasporto gratuito della bici sul treno. Attenzione però! L’offerta è valida solo nei giorni festivi, neppure per tutte le corse (solo 8 su 10; chissà perché sono escluse le corse serali), e solo dall’8 aprile al 3 giugno. Di fronte ad iniziative come queste provo sentimenti ambivalenti. Certo, da un lato apprezzo quest’opportunità di abbinamento di treno e bici. Dall’altro so bene che non è nulla di più di una “spruzzatina” di ambientalismo su un servizio che ancora oggi evidenzia nella quotidianità parecchie disfunzioni. Tra cui quello di un sistema assolutamente disincentivante all’abbinamento treno + bici, visto che: (1) i nuovi ATR220 non sono in grado di caricare più di 5 bici; (2) si deve comunque pagare un biglietto aggiuntivo; (3) occorre prenotare in anticipo per caricare la bici sul treno. Questo nei giorni “normali”.

Una bici caricata su uno dei nuovi treni ATR220, che però hanno solo 5 posti-bici (foto del 5 agosto 2011)

Leggi il seguito di questo post »


Incredibile! Si rompe la chiave della cabina di guida ed il treno delle 7.48 da Vignola non parte!

21 novembre 2011

Come troppo spesso succede in questo paese la realtà supera la fantasia. Questo almeno nel mondo dei servizi ferroviari gestiti da FER Srl, l’azienda controllata dalla Regione Emilia-Romagna e che gestisce diverse linee del servizio ferroviario regionale, tra cui anche la Vignola-Bologna. E’ infatti davvero stupefacente quanto successo oggi, lunedì 21 novembre, ai passeggeri del treno in partenza alle 7.48 da Vignola (treno regionale 11442). Il personale di bordo ha rotto la chiave della cabina di guida del treno nel tentativo di aprirla. Era l’unica chiave di cui disponevano e dunque sono rimasti “chiusi fuori”, senza possibilità di accedere alla cabina. Leggi il seguito di questo post »


Trasporto Pubblico Locale sulla direttrice Vignola-Bologna: si tagliano le corse del bus 671, mentre per il potenziamento del servizio ferroviario ci sono ancora 2-3 anni da attendere.

25 marzo 2011

Novità importanti in vista, ma non tutte positive, per il trasporto pubblico locale (bus e treno) sulla direttrice Vignola-Bologna. Si manifestano i primi effetti del taglio ai trasferimenti decisi dal governo e prende il via la conseguente “razionalizzazione” del servizio da parte delle aziende gestrici (FER Srl e ATC Spa). Si comprende meno, invece, il disegno che le autorità locali (Regione, Provincia di Bologna e di Modena) hanno per il “sistema della mobilità” tra Vignola e Bologna. Risulta evidente, infine, il costo che tutti gli interessati, dai pendolari agli utenti saltuari, sono chiamati a “pagare” per i ritardi nell’adeguamento della linea ferroviaria Vignola-Bologna (ritardi di 4-5 anni, non di pochi mesi). Per intenderci. Entrano in funzione i nuovi ATR220 Pesa – ma non tutti e 4 i nuovi treni promessi (e si palesano subito pregi e difetti dei nuovi treni). Dall’1 aprile 2011 ATC sopprime diverse corse dell’autobus 671 (Vignola-Bologna). Dal canto suo FER aveva già provveduto a tagliare le corse nei giorni festivi con l’orario entrato in vigore il 12 dicembre 2010. Mentre dall’1 febbraio era scattato il rincaro dei biglietti (passato, per la corsa Vignola-Bologna, da 2,90 a 3,60 euro: + 24%). Può darsi che dietro a tutto ciò ci sia un disegno che punta a costruire un futuro migliore per la mobilità nell’area metropolitana di Bologna (e lungo la direttrice Vignola-Bologna). Se è così sarebbe buona cosa rendere trasparente tale disegno ad utenti e cittadini – cosa che invece non avviene. Proviamo qui a leggere cosa sta succedendo. Leggi il seguito di questo post »


Almanacco ferroviario 2010/2. L’incubo del cattivo servizio sulla linea Vignola-Bologna

21 gennaio 2011

Risentito per le critiche che riceve con continuità dai pendolari, il presidente di FER Srl, Gino Maioli, ha snocciolato le cifre che dovrebbero testimoniare che va (quasi) tutto bene: “Sulla linea Vignola-Bologna, nel 2010 il 98% circa dei nostri treni è arrivato puntuale o con ritardi entro i 5 minuti.” (Gazzetta di Modena del 19 gennaio 2011, p.22). E bravo Gino! Ovviamente praticamente nessuno conosce il dato preciso e quindi non c’è tema di smentita. Questo è il bello della “modernità” di questa Regione. Che gli utenti – pur essendo coloro che pagano il servizio – non hanno nessuna possibilità di verificare la performance dell’azienda da cui acquistano i servizi (vedi). L’associazione degli utenti della linea (“In prima classe per Bologna-Vignola”) in realtà qualche dato ce l’ha. Fornito direttamente da FER. Non coprono l’intero anno 2010, ma sono sufficienti a comprendere qual è la performance. Si scopre così che i treni con ritardo superiore ai 5 minuti sono il 3,7%. A cui si aggiunge un altro 3,5-4% di treni soppressi. Cancellati. Insomma, se avete un appuntamento importante a Bologna, sappiate che viaggiare in treno non è proprio affidabile (nel 10% dei casi – un po’ meno in verità – non arrivereste per tempo). Per chi usa il treno per andare a scuola o al lavoro non è proprio il massimo. Sono i dati dei primi 6 mesi del 2010: 7.285 corse effettuate di cui 269 arrivate a destinazione con ritardo superiore a 5 minuti (in alcuni casi anche di mezz’ora). A queste, però, si aggiungono 272 corse soppresse (alcune per sciopero) ed altre 19 “soppresse parzialmente” (ovvero il treno viene fermato a Casalecchio, non arriva cioè alla stazione centrale di Bologna, e da lì vi dovete arrangiare). Leggi il seguito di questo post »


Almanacco ferroviario 2010/1. Ma quando arrivi treno?

10 gennaio 2011

Erano stati annunciati per l’inizio del 2010. Entreranno in funzione nei primi mesi del 2011 – si spera. Si tratta dei nuovi treni ATR220 Pesa – ancora treni diesel (vedi). Quelli destinati a sostituire i “catorci” oggi in servizio sulla linea Vignola-Bologna. Basterebbe questo dato per dare l’idea dell’efficienza della gestione della linea ferroviaria Vignola-Bologna, da febbraio 2009 interamente in mano all’azienda regionale FER Srl.

Ancora vecchi treni nei primi giorni del 2011 (la foto è di oggi, 10 gennaio 2011, alla stazione di Vignola)

Se poi pensiamo che al momento dell’inaugurazione del servizio da Vignola (era il settembre 2004) i treni elettrici erano annunciati per l’anno successivo (assieme ad una riduzione dei tempi di percorrenza, da 59 a 49 minuti, e ad un raddoppio della frequenza delle corse, da una ogni ora ad una ogni mezz’ora), allora abbiamo il quadro completo, che include inevitabilmente le responsabilità della politica e degli amministratori locali (vedi). Questo è il quadro che, in modo inequivocabile, ci consegna il 2010 appena terminato. Ripercorriamolo con questo “Almanacco ferroviario”. Cose strane, mostruosità, loschi figuri. Questa prima parte la dedichiamo proprio ai treni, ai nuovi treni. Leggi il seguito di questo post »


Ferrovia Vignola-Bologna: bufale ad alta velocità?

13 novembre 2010

Venerdì 12 novembre l’azienda ferroviaria della Regione Emilia-Romagna (FER Srl) ha “inaugurato” il primo dei nuovi treni ATR220 in servizio da Vignola a Bologna (uno era già in funzione, seppur in modo non continuativo, limitatamente al tratto Bazzano-Bologna). Poche ore dopo – oggi, sabato 13 novembre – il treno 11649 (in partenza da Bologna alle 5.30 e diretto a Vignola) viene soppresso per guasto. Qualche decina di persone rimangono a piedi. Il treno 11440 (in partenza da Vignola alle 6.46) viene annunciato con 15 minuti di ritardo. Più di un centinaio di studenti delle medie superiori (di Vignola e degli altri comuni serviti) che frequentano scuole bolognesi anche oggi arriveranno in ritardo. Entreranno alla seconda ora. Eppure la prima notizia è passata sul TG regionale e su tutti i TG locali, oltre che sui principali quotidiani locali (solo Modena Qui riporta un tempestivo comunicato dell’associazione degli utenti: vedi). La seconda sui TG non ci va mai. E’ la differenza tra evento e quotidianità, tra evento e routines. Ma i cittadini-utenti non vivono di eventi, diversamente dai politici che sempre più spesso costruiscono eventi per ottenere un po’ d’attenzione dai mass media. I cittadini-utenti vivono di routines, di quotidianità.

Venerdì 12 novembre, ore 9.28: il nuovo ATR220 con le autorità a bordo arriva alla stazione di Bazzano

La messa in funzione dei nuovi ATR220 sulla linea Vignola-Bologna è indubbiamente un fatto positivo. Ma oggi viene usato per coprire i problemi che rimangono e che, in alcuni casi si accentuano, e che segnano questo servizio ferroviario ancora oggi come inadeguato e non dignitoso. Vediamo perché. Leggi il seguito di questo post »