Diario di scuola

15 aprile 2008

“«Capisci? Capisci o no quello che ti spiego?» Non capivo. Questa inattitudine a capire aveva radici così lontane che la [mia] famiglia aveva immaginato una leggenda per datarne le origini: il mio apprendimento dell’alfabeto. Ho sempre sentito dire che mi ci era voluto un anno intero per imparare la lettera a. La lettera a, in un anno. Il deserto della mia ignoranza cominciava al di là dell’invalicabile b. «Niente panico, tra ventisei anni padroneggerà perfettamente l’alfabeto.» Così ironizzava mio padre per esorcizzare i suoi stessi timori.” (p.15) A parlare è Daniel Pennac, autore francese assai famoso anche in Italia per i romanzi che raccontano le vicissitudini di Benjamin Malaussène, di professione capro espiatorio, e della sua colorita famiglia. Chi l’avrebbe detto? Uno scrittore di successo che a scuola era un somaro, un somaro vero. Leggi il seguito di questo post »


Alzabandiera a scuola?

9 aprile 2008

La proposta è stata formulata al meeting di Rimini dove ha suscitato un fragoroso applauso. Il 23 agosto 2007 Giulio Tremonti, impegnato in un dibattito con Piero Fassino, ha proposto: “perché non introdurre tutte le mattine o almeno all’inizio della settimana l’alzabandiera nelle scuole?” (vedi). Motivazione: “Per il senso comune di appartenenza al Paese.” Non era però una novità in assoluto. Tremonti, infatti, ne aveva già parlato nel corso di un’intervista a Il Messaggero del 27 aprile 2007 – in quel caso con minore risonanza. Leggi il seguito di questo post »


Nuovo polo scolastico di Vignola: appuntamento al 2012

27 febbraio 2008

Il Consiglio Comunale di Vignola, nella seduta del 26 febbraio 2008, ha approvato il documento preliminare alla progettazione del nuovo “Polo scolastico” di Vignola composto da 6 sezioni di Scuola dell’infanzia, 15 classi di Scuola elementare (più i locali di una nuova direzione didattica), 15 classi di Scuola media ed una palestra. L’opera avrà un costo complessivo di circa 15 milioni di euro (1,8 milioni di euro saranno ottenuti dall’applicazione per 5 anni della “tassa di scopo”) e sarà realizzata in due stralci. Leggi il seguito di questo post »