L’inverno di Diego. Un fumetto di Roberto Baldazzini sulla Resistenza

25 aprile 2015

G_L'inverno di Diego_copertina

E’ un compito arduo quello di trasmettere memoria e conoscenza di eventi oramai lontani nel tempo come quelli della Resistenza e della lotta di liberazione dell’Italia dal dominio fascista e dei nazisti. I testimoni diretti di quegli avvenimenti sono sempre più radi, per semplici ragioni anagrafiche (quest’anno festeggiamo il 70° anniversario della Liberazione). Le narrazioni fatte da testimoni (anche locali) sono state pure, qualche volta, fissate in video, senza però che si sia riusciti a volgerle in un prodotto comunicativamente efficace. Assieme ai libri degli storici (tra gli ultimi consiglierei Giovanni De Luna, La resistenza perfetta, Feltrinelli, Milano, 2015: vedi) è stato il cinema a mettere al servizio della memoria e dell’autocomprensione di una nazione la propria capacità di narrare rivolgendosi a grandi masse (a partire dal film capostipite, Roma città aperta di Roberto Rossellini: vedi). Negli ultimi anni anche i fumetti si sono fatti carico di questo compito (vedi). Del 2013 è il graphic novel del vignolese Roberto Baldazzini, L’inverno di Diego. Le quattro stagioni della Resistenza, The Box edizioni, Bologna (casa editrice che purtroppo ha chiuso: vedi), che racconta la fuga in montagna di un giovane (vignolese) per sfuggire alla chiamata alle armi da parte della Repubblica di Salò e del successivo incontro con le “bande” partigiane. Leggi il seguito di questo post »


65° anniversario dell’eccidio di Pratomavore. Un commento

14 febbraio 2010

Il 65° anniversario dell’eccidio di Pratomavore ha visto l’introduzione di alcuni elementi di novità nella celebrazione dell’evento. Non uno ma due i giorni dedicati al ricordo. Sabato 13 febbraio con la manifestazione sul luogo dell’eccidio. Domenica 14 febbraio con la celebrazione di una messa, presso la Chiesa di Pratomavore, a suffragio dei caduti. Ancora più significativa è la partecipazione degli alunni delle classi quinte della scuola elementare di Vignola, resa possibile dallo svolgimento della manifestazione nella giornata di sabato (oltre che dalla sensibilità del Circolo Didattico di Vignola e del suo dirigente). Queste innovazioni testimoniano della volontà dell’amministrazione comunale di dare maggiore rilevanza sociale all’evento, promuovendo una più ampia partecipazione della cittadinanza. Leggi il seguito di questo post »