Bilancio di previsione 2010. Più trasparenza? Più partecipazione?

11 dicembre 2009

Il bilancio di previsione 2010 è il primo atto davvero importante della nuova amministrazione comunale uscita dalle elezioni amministrative del giugno 2009. Questo giustifica un’attenzione particolare sia in merito ai contenuti, sia in merito a metodo, forma e stile. In questo post focalizziamo l’attenzione su questi ultimi aspetti, cercando di vagliare criticamente gli elementi di innovazione di questo primo bilancio di previsione dell’amministrazione Denti (più proclamati che praticati, in verità), con particolare riferimento al documento descrittivo di accompagnamento, la Relazione previsionale e programmatica. Qualità del documento e grado di trasparenza, partecipazione dei cittadini alla formulazione degli obiettivi (davvero?), prospettiva della rendicontazione. Questi i temi toccati. Leggi il seguito di questo post »


Introdotto il Bilancio di Missione come strumento di rendicontazione del Comune di Vignola e dell’Unione Terre di Castelli

12 aprile 2009

Rendere conto. Sembrerebbe un pricipio banale della pubblica amministrazione e delle istituzioni pubbliche. In realtà banale non è. Anche per una amministrazione comunale, che pure ha un contatto quotidiano con utenti e cittadini e dunque dovrebbe essere massimamente interessata a rendere trasparente quello che fa, comunicare il raggiungimento degli obiettivi che si è data in sede previsionale, rendicontare l’impiego delle risorse che i cittadini le consegnano. Tuttavia in genere manca un documento che riassuma le cose fatte dall’amministrazione nell’anno di riferimento (vedi). Non svolge questa funzione – certo non nell’esperienza del Comune di Vignola – la relazione che accompagna il bilancio d’esercizio poiché è disomogenea (spesso le cose irrilevanti hanno la stessa enfasi di quelle davvero importanti), non è coerente con la relazione previsionale (quest’ultima fissa degli obiettivi sul cui raggiungimento, tuttavia, spesso la relazione al bilancio d’esercizio non si sofferma), non riporta in modo standardizzato, predefinito i dati di attività (non consentendo confronti tra diversi periodici storici o, eventualmente, con altre amministrazioni comunali). Leggi il seguito di questo post »