Nuova provincia, maggiore opacità

19 ottobre 2014

Nuova Provincia secondo copione. Muzzarelli vince senza problemi” – così titolava Il Resto del Carlino il 5 ottobre scorso, il giorno successivo allo svolgimento delle elezioni per il nuovo presidente ed il nuovo consiglio provinciale a Modena (qui le info ufficiali: vedi). In effetti nessuna sorpresa. Né a Modena, né altrove. Tutti i presidenti delle nuove Province, in Emilia-Romagna, sono PD (vedi; si è votato in tutte le province tranne a Ravenna dove si voterà nel 2016 – se nel frattempo le Province non verranno davvero eliminate). Ma questa non è una sorpresa. Con ogni probabilità l’esito sarebbe stato uguale con qualsiasi altro sistema elettorale. Certo è che quello usato è pessimo. Comunque, le Province per ora rimangono (in attesa della loro effettiva soppressione, previa modifica della Costituzione). Ne escono rafforzati i sindaci dei capoluoghi di provincia (tranne nella parte più occidentale della regione: a Piacenza, Parma e Reggio Emilia il PD ha fatto una scelta diversa). Ma soprattutto – la cosa è sin da subito evidentissima – aumenta l’opacità. E su questo aspetto il PD non ha nulla da dire. Leggi il seguito di questo post »

Annunci