Primarie PD per i parlamentari. Ad urne aperte qualche considerazione ed anche un tentativo di valutazione dei candidati

30 dicembre 2012

Da tempo penso di sviluppare qualche considerazione in più sulle primarie PD per la scelta dei parlamentari, sia in merito alle regole, sia in merito all’offerta di candidati. In modo meno ordinato di quanto vorrei sviluppo qui un ragionamento che prosegue considerazioni già svolte in passato (c’è un’intera categoria dedicata alle primarie! vedi). Innanzitutto una volta ancora emerge l’importanza delle regole del gioco. Non basta dire “primarie” per essere soddisfatti. Se qualche anno fa lo slogan era “primarie sempre!” – ed in effetti oggi ci siamo arrivati – ad esso si aggiungeva però anche “primarie vere”, intendendo con ciò “primarie competitive”. Ed anche a questo ci ha portato il 2012, tanto per la scelta del leader della coalizione di centrosinistra, quanto per queste primarie per i parlamentari. Io però ho sempre aggiunto anche una terza caratterizzazione: “primarie efficaci” (vedi). Ovvero primarie che alzano le chances di selezionare i “migliori” (parlo di chances, visto che nessun metodo offre certezze, né le primarie, né la scelta affidata a gruppi ristretti), quelli che hanno competenza, capacità di visione e di lavoro, insomma le migliori caratteristiche per ricoprire al meglio il ruolo istituzionale a cui sono destinati. Leggi il seguito di questo post »


Primarie del centrosinistra 2012. Riflessioni sulla sfida di Matteo Renzi

28 ottobre 2012

Prima ancora di prendere posizione per l’uno o l’altro dei candidati che si propongono alle primarie del centrosinistra 2012 occorre comprendere meglio le posizioni in campo, le loro ragioni ed i loro programmi. Altrimenti le primarie rischiano di ridursi ad un censimento delle simpatie o antipatie. La candidatura di Matteo Renzi costituisce indubbiamente il principale elemento di novità di queste primarie – quanto convincente lo sapremo il 25 novembre. Per il modo in cui è nata ed anche per una parte significativa del “messaggio” che propone essa svolge una funzione di stimolo all’innovazione del PD, ma è anche accolta in modo controverso all’interno del partito (vedi). Qui provo a mettere in fila un po’ di convincimenti (e di interrogativi ancora aperti) che mi sono fatto in queste ultime settimane, con l’ausilio di osservatori qualificati. Leggi il seguito di questo post »


Il PD che non ama le primarie

14 gennaio 2011

“Nessuno le vuole abolire ma per salvarle bisogna riformarle. Serve una riflessione su come funzionano”. Lo ha detto il segretario del PD Bersani alla direzione nazionale del partito di ieri, giovedì 13 gennaio. Il fatto, però, è che una “riforma” delle primarie è stata fatta pochi mesi fa (era il maggio 2010), quando, modificando le relative norme dello statuto del PD, si è deciso di privilegiare le “primarie di coalizione” rispetto alle “primarie di partito” (il comma 1 dell’art.18 ora recita: “I candidati alla carica di Sindaco, Presidente di Provincia e Presidente di Regione vengono scelti attraverso il ricorso alle primarie di coalizione.”). Ed anche l’invito alla “riflessione” sul come funzionano arriva un po’ lungo, visto che Bersani è segretario dal 25 ottobre 2009 e, dunque, ha avuto tutto il tempo che voleva per promuovere analisi o commissionare studi sulla realtà delle primarie del PD (studi che comunque oggi ci sono indipendentemente dalla volontà di Bersani & C.; cfr. Pasquino G., Venturino F. (a cura di), Le primarie comunali in Italia, Il Mulino, Bologna, 2009: vedi).

Primarie del PD di Bologna 2010-2011: Nadia Urbinati (Columbia University) dialoga con il candidato Virginio Merola (foto del 5 gennaio 2011)

Leggi il seguito di questo post »


IL PD chiama i cittadini vignolesi a costruire il programma per il governo della città. I forum tematici al via

26 novembre 2008

Il Comitato Direttivo del Partito Democratico di Vignola, nella seduta del 25 novembre, ha preso alcune importanti decisioni. Innanzitutto in merito alle primarie che, nel caso di presentazione di più di una candidatura (è possibile raccogliere le firme dal 24 novembre fino al 3 gennaio 2009, ore 12), saranno primarie del PD e si terranno il 25 gennaio 2009, secondo l’indicazione provinciale (nel precedente post ho riepilogato le informazione essenziali: vedi). E’ dunque definito il numero di sottoscrizioni necessarie per presentare una candidatura: 22 firme di iscritti al PD (3% di 702 iscritti) o 8 firme di componenti del Comitato Direttivo (10% di 73 componenti il Comitato Direttivo di Vignola, tra eletti e membri di diritto). Soglie basse dunque, sempre nello spirito di favorire la partecipazione (e dunque la competizione). La seconda decisione di rilievo è in merito ai “Forum tematici”. Leggi il seguito di questo post »


Primarie del PD anche a Vignola?

24 novembre 2008

Da oggi, lunedì 24 novembre 2008, chi intende candidarsi alla carica di sindaco (del PD), a Vignola e negli altri comuni dove i sindaci uscenti hanno già svolto il secondo mandato, può iniziare a raccogliere le firme per presentare la propria candidatura (vedi). Si avvia così il percorso che porta alle primarie per la selezione dei candidati a sindaco nelle elezioni amministrative del 2009. O meglio: il percorso che può portare alle primarie, visto che prerequisito indispensabile per tenere le primarie è che ci sia più di un candidato! Facciamo il punto della situazione, almeno sul versante delle regole (già fissate) e delle decisioni ancora da assumere a livello locale. Ovviamente ci limitiamo al caso che interessa Vignola: l’individuazione di un nuovo candidato a sindaco nel caso in cui il sindaco uscente non è più nelle condizioni di ricandidarsi, avendo già svolto il secondo mandato. Leggi il seguito di questo post »


Primarie vere, primarie efficaci, primarie sempre

24 ottobre 2008

Continuo la riflessione sulle primarie. A “primarie vere, primarie efficaci” (vedi), si aggiunge ora la formula “primarie sempre”. E’ lo slogan lanciato dal circolo online del PD Barack Obama per una campagna che, tramite la raccolta firme di iscritti al partito, sollecita l’impiego delle primarie per la scelta dei candidati a ruoli istituzionali (sindaci, presidenti, consiglieri regionali, parlamentari, ecc.). Leggi il seguito di questo post »


Primarie vere, primarie efficaci. A Bologna e altrove

15 ottobre 2008

Ore convulse dopo l’annuncio della non ricandidatura del sindaco di Bologna, Sergio Cofferati. Nel giro di poche ore si annunciano due candidati di rilievo per le primarie del PD di Bologna, previste per il 14 dicembre. Si tratta di Virginio Merola, assessore all’urbanistica nella giunta di Cofferati (vedi), e Flavio Delbono, ex-assessore comunale con Vitali ed attuale assessore al bilancio e vicepresidente della Regione Emilia-Romagna (vedi). Leggi il seguito di questo post »