Primarie PD a Vignola. Ultima considerazione prima del risultato

2 marzo 2014

Le primarie del PD sono una festa della democrazia. Questo nessuno può negarlo. Sono uno di quegli spazi in cui si amplia il potere dei cittadini (qui elettori). Servono anche a riconnettere un “apparato” spesso troppo autoreferenziale con umori, sentimenti, ragioni che circolano nella società. Ma non per questo sono una “cosa” che funziona sempre. Basta citare l’esempio delle primarie PD del 2009 proprio a Vignola: il vincitore di allora, Daria Denti, poi divenuto sindaco, nelle settimane scorse ha rinunciato a candidarsi per la seconda legislatura per manifesta incapacità di entrare in relazione con la città e per incapacità di lavorare seriamente ai progetti di cui la città ha bisogno. Cinque anni di sofferenza inflitti alla città – in sintesi (vedi). La “formula primarie”, per così dire, è dunque necessaria, ma non sufficiente. Ed anche stavolta, nel 2014, evidenzia qualche problema di “funzionamento”. Leggi il seguito di questo post »


Trevirgolacinque

17 gennaio 2014

Trevirgolacinque. Ovvero 3,5. Partiamo da qui per commentare rumors e dichiarazioni degli ultimi giorni in merito alle candidature PD per Vignola. 3,5. Ovvero il voto assegnato all’amministrazione Denti dai cittadini vignolesi intervistati nel corso del sondaggio telefonico promosso dal PD modenese a fine ottobre 2013 (vedi). 3,5 su una scala da 1 a 10. 3,5 come voto medio delle valutazioni espresse dai circa 700 intervistati (ed essendo un voto medio significa che tantissimi intervistati hanno dato voti bassissimi a questa amministrazione ed a questo sindaco). 3,5 è un voto terribilmente basso. Uno dei più bassi nella storia delle rilevazioni campionarie di gradimento delle amministrazioni comunali. Leggi il seguito di questo post »


Primarie PD per i candidati sindaco: ennesimo scontro sulle regole

4 gennaio 2014

C’è qualcosa di assolutamente singolare nel fatto che ogni volta che il PD si appresta alle primarie si accende lo scontro sulle regole. E’ così anche questa volta, con le primarie per la selezione dei candidati sindaci in vista delle elezioni comunali 2014. “Braccio di ferro sulle regole per le primarie” si legge sui quotidiani modenesi. In effetti le “regole” per le primarie verranno approvate dalla direzione provinciale del PD nella seduta del prossimo 7 gennaio. E il fatto è che le “regole” anziché costituire la cornice normativa che disciplina la competizione politica nel partito, sono esse stesse oggetto di lotta politica. Anziché essere fissate una volta per tutte, sono invece aggiornate tutte le volte con una finalità strumentale: quella di facilitare la corsa di qualche candidato (gradito a chi conta nel partito) o di ostacolare la corsa di qualche altro candidato (evidentemente sgradito a chi conta nel partito). Leggi il seguito di questo post »


Luca Gozzoli: tutto il fiato che serve per amministrare bene Vignola

19 gennaio 2009

testata_gozzoli

Per presentare la propria candidatura Luca Gozzoli ha prodotto un pieghevole i cui contenuti sono riportati anche nel sito web www.lucagozzoli.eu. Una presentazione di un candidato alle primarie non è certo un “programma” nel senso stretto del termine. Il programma, infatti, è in corso di definizione da parte di tutto il Partito Democratico con l’organizzazione di appositi forum tematici a cui tutti i cittadini che intendono dare un contributo possono partecipare. Però nella presentazione di un candidato emergono alcune “anticipazioni” o, forse meglio, alcune tematiche frutto di una particolare sensibilità. La scelta di un candidato piuttosto che un altro non stravolge certo il programma del PD di Vignola, ma non si può neppure dire che da questo punto di vista – quello del programma e della sua “credibilità” – un candidato vale l’altro. E’ indubbio, infatti, che il “valore aggiunto” di un candidato sta nella sua particolare “sensibilità” per alcune tematiche piuttosto che altre; per l’autorevolezza con cui si propone e che sarà determinante nel rapporto con gli interlocutori istituzionali (specie dei livelli sovraordinati), ma anche con i comuni cittadini; nello “stile” che lo contraddistingue nel suo impegno quotidiano e nel suo rapporto con altri. Leggendo la presentazione di Luca Gozzoli io sono colpito, tra i diversi temi sollevati, da tre questioni. Leggi il seguito di questo post »