Presentato in commissione consiliare il progetto del più grande insediamento commerciale di Vignola. Parliamo di Coop

21 giugno 2016

E_Coop_home

E’ stato presentato ieri sera nella seduta della terza commissione consiliare il progetto dello spostamento del “negozio” Coop con contestuale ampliamento della superficie di vendita (4.500 mq contro i 2.550 mq attuali). Si tratta del più grande insediamento commerciale nella storia del comune di Vignola. La superficie territoriale interessata è poco meno di 3 ettari (27.400 mq). Il progetto è stato illustrato dall’Ing. Roncaglia e Ing. Mazzi, a ciò incaricati da Coop Alleanza 3.0. E poiché al pubblico (60-70 i presenti) è stata data la possibilità di intervenire a fine seduta, il dibattito non è certo mancato. Anche indisciplinato, ma vivace. L’incontro di ieri sera segna l’inizio dell’analisi da parte del consiglio comunale (una precedente seduta della commissione era stata convocata solo per “scaldare i motori”, visto che il progetto è stato trasmesso all’amministrazione comunale solo il 10 giugno scorso) che potrà portare all’approvazione della variante al PRG o al suo rigetto. La responsabilità della decisione è infatti al momento in capo al consiglio comunale. Leggi il seguito di questo post »


Cosa succede nel PD di Vignola? Attaccano la lista civica Vignola Cambia sbagliando bersaglio

11 ottobre 2011

Un episodio da manuale di opacità e disinformazione. Un perfetto cortocircuito tra cattivo giornalismo e pessima politica. Il fatto è passato inosservato ai più, ma a costo di dargli risonanza è bene non lasciare cadere questo episodio. Si tratta di un breve articolo – una colonna soltanto – apparso a pagina 19 de Il Resto del Carlino Modena di sabato 8 ottobre. Titolo: “Variante agricola, il PD critica le liste: «No allo sviluppo a base di cemento»”. Tralasciamo per un attimo l’ironia (involontaria?) del titolo. Chiunque conosce la realtà della campagna vignolese sa che sono le norme vigenti, risalenti perlomeno al PRG del 1998 e ad una variante del 2002, ad aver consentito uno “sviluppo a base di cemento” (vedi). Tutta roba del PD, dunque. Ad essere seri, dunque, dovrebbe trattarsi di una “ammissione di colpa”, non di un’autoassoluzione e neppure del tentativo (maldestro) di scaricare la responsabilità su altri (minoranze, liste civiche o altro). Comunque sia, la presa di posizione è legata alla variante alle Norme Tecniche Attuative del vigente PRG relativamente alle zone agricole, già adottate dal consiglio comunale in primavera ed ora prossima all’approvazione definitiva (andrà in consiglio comunale entro il mese di ottobre). Il fatto è che nella presa di posizione del PD di Vignola non ci si limita ad esprimere opinioni – magari discutibili, ma, in quanto opinioni, legittime. Si fanno, invece, affermazioni su “fatti”. Ma questi fatti non sono … fatti. Insomma, la realtà è diversa. Detto altrimenti: hanno raccontato una balla. Vediamo. Leggi il seguito di questo post »