Tecnopolo dell’Unione Terre di Castelli: cosa succede?

16 settembre 2015

F_home 13giu2015 059Doveva essere inaugurata nell’aprile scorso, ma le “tribolazioni” dell’impresa edile incaricata della realizzazione hanno praticamente fermato i lavori … all’ultimo miglio. Si tratta della nuova sede del “tecnopolo” dell’Unione Terre di Castelli a Spilamberto. Quella che dovrebbe ospitare l’incubatore Knowbel intanto avviato, nell’aprile 2013, nella sede provvisoria di Democenter-Sipe sempre a Spilamberto. Ma forse non è l’unica difficoltà. Visto che anche i bandi di selezione per “idee d’impresa e startup” sembrano avere meno successo del previsto (una criticità che si aggiunge al flop del programma di “sviluppo locale” della Fondazione di Vignola: vedi). In ogni caso l’attività del nostro “tecnopolo” soffre di opacità: quale performance, quale ricaduta sul territorio, quale efficacia nei servizi alle imprese non è dato sapere. Indubbiamente serve più trasparenza. Leggi il seguito di questo post »


Al via il cantiere del tecnopolo dell’Unione Terre di Castelli

22 marzo 2014
Da tre anni presidia l'area: "Il Tecnopolo: allora si può fare!". L'avvio del cantiere era stato annunciato entro dicembre 2011 (foto del 10 marzo 2014)

Da tre anni presidia l’area: “Il Tecnopolo: allora si può fare!”. L’avvio del cantiere era stato annunciato entro dicembre 2011 (foto del 10 marzo 2014)

Al momento hanno solo recintato l’area del cantiere. Neppure un comunicato stampa ne annuncia l’imminente avvio dei lavori, ma di certo non mancherà a breve la “posa della prima pietra” (siamo pur sempre in campagna elettorale!). Eppure qualcosa si muove – almeno così pare. Dopo che da più di tre anni un cartellone 6×3 annuncia “Il Tecnopolo: allora si può fare!”, ora si fa davvero. Sto parlando infatti del “tecnopolo” o, meglio, di quel pezzettino del tecnopolo di Modena che verrà realizzato a Spilamberto, sul confine con Vignola (in via Confine, appunto), al margine dell’area produttiva realizzata più di dieci anni fa nella zona Sipe Alte. Leggi il seguito di questo post »