Bugie dalle gambe corte

31 gennaio 2017

Bisognerebbe al più presto riprendere davvero a ragionare della condizione della città ed a cercare di tracciare un bilancio oggettivo dell’esperienza dell’amministrazione “civica” (o forse sarebbe più corretto dire dell’amministrazione Smeraldi). Non basta infatti riattivarsi saltuariamente, ovvero solo durante la campagna elettorale. La capacità di analisi e di elaborazione non è qualcosa che può essere attivata alla bisogna – chi non la pratica con continuità la vede atrofizzarsi fino a scomparire o quasi. Prima però bisognerebbe poter chiudere i conti, per così dire, con le vicende del recente passato. Senza reticenze, senza manipolazioni, senza versioni di comodo. “Devo anche smentire – continua il sindaco [oramai ex-sindaco] – chi ha fantasticato nei giorni scorsi di mirabolanti promesse che io avrei fatto al PD perché venisse in mio soccorso: non ci sono state trattative, accordi o inciuci” – questo afferma Mauro Smeraldi su Il Resto del Carlino – Modena di oggi, 31 gennaio 2017 (pdf). Smentita a sua volta smentita. A stretto giro di posta, via facebook, il segretario del PD di Vignola Federico Clò informa invece che la settimana scorsa l’allora sindaco ha invitato il PD ad una trattativa. Leggi il seguito di questo post »


Il lungo inverno del PD vignolese

15 gennaio 2017

La chiusa dell’intervista del sindaco di Vignola è al veleno: “l’assenza del PD all’opposizione è totale: ha 5 consiglieri, ma è come non esistessero …” (così su Il Resto del Carlino – Modena del 31 dicembre 2016: pdf). Impossibile dargli torto. Il PD è davvero scomparso. Il 2016 doveva essere l’anno del rilancio, con il superamento del lungo periodo di “commissariamento” seguito alla débacle elettorale del 2014. Infatti a gennaio 2016 veniva incoronato segretario il baldanzoso giovane Federico Clò (vedi). Nei primi mesi si registrava un certo attivismo, magari scomposto e senza una chiara strategia. Ma subito dopo anche quello è scomparso. Ne è seguito il nulla. Non è il primo post che dedichiamo al tema – già in passato abbiamo provato a scuotere il partito (vedi). Inutilmente. Ma ora è passato esattamente un anno, un anno del nuovo segretario. Un bilancio è d’obbligo (e qui … li si aiuta). Anche perché il 2019 si avvicina. Leggi il seguito di questo post »


Il PD di Vignola sempre più piccolo, sempre meno significativo

17 novembre 2016

Il 2019 è lontano (è l’anno in cui si terranno le prossime elezioni comunali), ma il PD quelle elezioni le ha già perse – se stiamo alla sua inconsistenza in questa prima metà della legislatura. Questo il mio pronostico. Risale all’inizio di ottobre un comunicato del partito in cui dichiarava “Paralisi dell’azione della maggioranza” (vedi). Prima di allora mesi di letargo. Dopo di allora ancora … letargo. Il fatto è che ad essere paralizzato è in realtà il PD stesso. La maggioranza ha imparato a convivere con le proprie tensioni e l’amministrazione “civica” è di nuovo al lavoro: è avviato un percorso partecipato per un nuovo statuto della biblioteca comunale (vedi), è in corso la redazione del nuovo Piano Urbano del Traffico (vedi), è stata portata a termine la trattativa con il demanio ed acquisita l’area della stazione ferroviaria (pdf) e ci si appresta a definire il bilancio di previsione 2017 (ed altro ancora). Difficile intendere tutto ciò come “paralisi dell’azione della maggioranza”. Se invece si guarda a quanto non sta facendo l’opposizione allora risulta chiaro che ad essere paralizzato è il PD. Nessuna iniziativa né in consiglio comunale, né verso la città. Alla mancanza d’azione si affianca però anche un vuoto d’idee. Ecco perché è facile prevedere che, dovesse continuare ancora per un po’ questa modalità operativa, molto difficilmente consegnerà al PD una qualche chance di vittoria alle elezioni comunali del 2019. Dall’irrilevanza di oggi si arriva facilmente ad una nuova sconfitta elettorale nel 2019. Leggi il seguito di questo post »


Sulle modifiche allo statuto comunale il PD è senza bussola!

23 giugno 2016

Martedì 21 il consiglio comunale di Vignola ha approvato consistenti modifiche allo statuto comunale, con particolare riferimento alla sezione del Titolo I (Disposizioni generali e norme di principio) ed al Titolo II (Istituti di partecipazione e di democrazia diretta). Rimandiamo ad un secondo momento un commento su questa importante modifica (alcune innovazioni sono convincenti, ma c’è anche qualche punto debole) per soffermarci invece sulla posizione assunta dal gruppo consiliare PD, l’unico che ha votato contro alle modifiche statutarie (approvate invece dai tre gruppi consiliari civici e dal M5S). In verità non è tanto il voto contro ad apparire singolare (è ovviamente una delle possibilità), ma la completa assenza di una proposta alternativa. Eppure il percorso di modifica dello statuto si è sviluppato per parecchi mesi con il coinvolgimento (e la possibilità di proposta) di tutti i consiglieri a ciò interessati (oltre ai cittadini, ovviamente). Dopo oltre 6 mesi di lavoro il PD non è stato in grado di formulare alcuna controproposta. Men che meno di proporre emendamenti sui punti che riteneva meno convincenti. Altro che armata Brancaleone! Insomma encefalogramma piatto.Il PD ha detto ‘no’ a questo statuto perché la città ha altre priorità” – sono queste le parole del segretario PD di Vignola Federico Clò. Una foglia di fico sull’evidente incapacità di pensare al rinnovamento della democrazia locale (altro che “sinistra pensante”: vedi; o “mobilitazione cognitiva”: vedi). Leggi il seguito di questo post »


Federico Clò nuovo segretario del PD di Vignola

19 gennaio 2016
F_Prima Pagina 18gen2016

Prima Pagina, 18 gennaio 2016, p.12.

Classe 1993, il nuovo segretario del PD di Vignola, Federico Clò, ha dunque 22 anni. Fargli gli auguri di buon lavoro è pertanto il minimo. Quello che a me sembra un gesto temerario a quell’età – l’accettare un incarico altamente impegnativo: la “ricostruzione” del partito vignolese dopo la sconfitta epocale del 2014 (vedi) – ad altri potrà sembrare assolutamente normale. Addirittura banale. Chi ha fatto per un po’ vita di partito sa che banale non è. Comunque, Federico Clò è stato eletto, unico candidato, al congresso che il PD di Vignola ha tenuto domenica 17 gennaio. Leggi il seguito di questo post »