Integrazione degli stranieri: cosa significa?

17 gennaio 2016

Quando da molte parti s’invoca verso gli immigrati una politica volta all’integrazione, di che cosa parliamo in realtà? Che cosa intendiamo esattamente? E per cominciare: in che cosa pensiamo che gli immigrati debbano integrarsi?” Inizia così un recente articolo di Ernesto Galli Della Loggia che mi è stato segnalato da un amico (con il titolo “Integrare senza sensi di colpa” è apparso sul Corriere della Sera del 10 gennaio scorso: vedi). Si tratta di un tema di grande rilevanza visto che la concezione dell’integrazione che facciamo nostra ha conseguenze significative sulle politiche da implementare, tanto a livello nazionale, quanto a livello locale. Comunque, esso intreccia due svolgimenti interconnessi. In positivo illustra cosa si deve correttamente intendere per “integrazione”. In negativo assume il “multiculturalismo” come bersaglio polemico (per una presentazione del concetto: vedi). Due linee argomentative complementari, ma entrambe poco convincenti (seppure per ragioni diverse). Leggi il seguito di questo post »