Paesaggi del degrado lungo il medio fiume Panaro, di Francesco Uccellari

28 Maggio 2011

Ho chiesto a Francesco Uccellari, neo-laureato residente a Guiglia, di scrivere per AmareVignola un breve testo che prenda spunto dalla sua tesi di laurea sui “paesaggi del degrado”, visto che il caso da lui studiato è quello del paesaggio fluviale e perifluviale del fiume Panaro nel tratto tra Spilamberto e Marano (sostanzialmente il tratto interessato dal Contratto di fiume). Francesco mi aveva contattato per avere alcune mie foto utili per la tesi (vedi). Gli ho quindi proposto questo “scambio”, ritenendo che il tema fosse assai interessante per i residenti a Vignola e dintorni. Colgo l’occasione per ringraziarlo e per augurargli buon lavoro.

Il tema da cui sono partito per le ricerche per la mia tesi di laurea è stato quello dei paesaggi del degrado, suscitatomi da una serie di riflessioni che la Regione Emilia-Romagna sta affrontando per adeguare i suoi strumenti di pianificazione agli indirizzi in materia di livello europeo e nazionale. La scelta di occuparmi di un paesaggio vicino alla mia esperienza (sono residente nel comune di Guiglia) è conseguente quindi alla volontà di sperimentare una modalità di ricerca in merito alla trasformazione dei paesaggi contemporanei ed al loro degrado; ho scelto l’ambito del fiume Panaro come “caso studio” in quanto poteva presentare una serie di situazioni-tipo, che mi avrebbero permesso di effettuare diversi ragionamenti. Leggi il seguito di questo post »