Il grande freddo/2. Si presenta in salita la strada per la ricandidatura di Daria Denti

10 novembre 2013

E’ negativo il giudizio della città sull’operato del sindaco Daria Denti e della sua amministrazione. Lo ha confermato l’indagine telefonica commissionata dal PD e realizzata nei giorni scorsi dalla Demetra opinioni.net Srl di Mestre (vedi). Così come era iniziata, questa legislatura finisce. Con il “grande freddo” tra sindaco e cittadini. Almeno la maggior parte di loro. Circola infatti voce che l’operato dell’amministrazione Denti, misurato su una scala da 1 a 10, sia stato valutato meno di quattro – questo il voto medio rilevato dalle interviste telefoniche! Al momento il report dell’indagine non è ancora stato messo a disposizione del circolo PD di Vignola. Vedremo se lo sarà nel prossimo futuro. Se questi rumors saranno confermati vorrà dire che il “grande freddo” registrato al momento del voto, nel giugno 2009 (vedi), caratterizza tuttora il rapporto tra il sindaco e la città. Leggi il seguito di questo post »


Dobbiamo davvero accettare una politica che racconta balle? PSC e consumo di territorio

3 ottobre 2013

I documenti del PSC appena adottati dalla giunta comunale di Vignola e dalla giunta dell’Unione Terre di Castelli prevedono a Vignola 189.000 mq di “nuovo territorio rurale urbanizzabile” (vedi). Si tratta, in altri termini, della possibilità di consumare ancora territorio non compromesso. Nuove case o nuovi capannoni al posto di territorio agricolo. Altri comuni hanno fatto scelte diverse. Hanno adottato “piani regolatori” (o altri strumenti di pianificazione territoriale) a crescita zero (vedi). Non è così, invece, per Vignola. Peccato che in campagna elettorale il sindaco Daria Denti avesse promesso diversamente (vedi). Peccato che il programma elettorale del PD e degli alleati di allora (nel frattempo evaporati) prevedesse appunto “stop al consumo di territorio non compromesso”. Vogliamo davvero una politica che in campagna elettorale prende impegni che poi non rispetta? Per me la risposta è scontata: no. Leggi il seguito di questo post »


Il sindaco di Vignola sta valutando: ricandidarsi o non ricandidarsi?

26 settembre 2013

Sono giorni importanti per il futuro di Vignola. Il sindaco Daria Denti, infatti, sta valutando se ricandidarsi alle elezioni comunali del 2014 o passare la mano. Ancora pochi giorni o al massimo poche settimane e la decisione dovrà essere presa. L’incertezza è determinata dalle numerose attestazioni di perplessità o di contrarietà registrate tra i cittadini. Ed anche all’interno del partito, specie dopo le eclatanti dimissioni del presidente del consiglio comunale Giancarlo Gasparini (vedi). Insomma, il PD è il primo a vedere la problematicità della ricandidatura del sindaco uscente (su cui da tempo si pronosticava una “exit strategy”: vedi). E per fortuna – potrei aggiungere. Questo blog ha documentato ed argomentato l’inadeguatezza dell’attuale amministrazione – che io non esito a definire la peggiore degli ultimi vent’anni (fin dove ho memoria). Come sempre sono arrivato ad esprimere questo giudizio sulla base di quanto osservato in questi anni, ovvero di ragioni ed argomenti. Ecco una rassegna. Leggi il seguito di questo post »


Anche nel PD si mette in discussione la ricandidatura di Daria Denti

2 settembre 2013

Forse è sfuggito alla maggior parte dei vignolesi. Mi riferisco all’articolo comparso oggi, 2 settembre, sulla Gazzetta di Modena sotto il titolo “Futuri sindaci, il PD alle grandi manovre”. Il tema è quanto potrà succedere alle elezioni comunali del 2014 nei 36 comuni (su 47) della provincia di Modena in cui si andrà a votare per la scelta del sindaco (e del consiglio comunale). E perché sarebbe rilevante l’articolo per Vignola? Per un paio di passaggi, brevi ma significativi. “I problemi più complicati [sono] a Castelvetro e Vignola dove i primi cittadini non godono più del consenso sperato: al posto della Denti spunta l’idea Sabattini”. E più avanti, sotto il titolo significativo “Chi glielo dice?”, si trova scritto: “Ci sono situazioni in cui la quadratura del cerchio è piuttosto complessa, su tutti Vignola. La riconferma di Daria Denti [non è scontata] e c’è chi dice che potrebbe essere messa di fronte ad una candidatura forte, come quella di Emilio Sabattini.Leggi il seguito di questo post »


Zero consumo di territorio? Era solo una promessa da campagna elettorale!

18 agosto 2013

E’ davvero stupefacente il dietro-front realizzato dal sindaco Daria Denti sul “consumo di territorio”! In campagna elettorale promette una cosa (“stop al consumo di territorio non compromesso”), ma da sindaco ne fa un’altra (i documenti del PSC appena adottato prevedono a Vignola 189.000 mq di “nuovo territorio rurale urbanizzabile”, ovvero la possibilità di consumare ancora territorio non compromesso) (vedi). E’ bene dunque rinfrescare la memoria, ripassando gli impegni assunti dall’allora candidato a sindaco Daria Denti e dal PD. Anche per chiedere conto di questi comportamenti contraddittori. Di queste promesse da marinaio. Leggi il seguito di questo post »


Perché il giardino del municipio è usato come parcheggio?

15 Maggio 2013

Che sia un episodio di malcostume, certo non grande, è evidente. Da un po’ di tempo il giardino antistante la sede municipale, l’ottocentesco Casino Tosi-Bellucci, viene sistematicamente utilizzato come parcheggio per l’auto del sindaco e di qualche suo collaboratore. Prima dell’attuale amministrazione non era mai stato così. Non era così con l’amministrazione Adani. Non era così con la precedente amministrazione Quartieri. Ci è voluta l’amministrazione Denti per sottrarre una parte del giardino e dei suoi vialetti ghiaiati ai pedoni grandi e piccoli, consegnandola a funzione di parcheggio per le auto. Un segno anche questo del progressivo imbarbarimento del rapporto dell’auto con la città. Solo che questa volta a dare il pessimo esempio è il primo cittadino vignolese.

H_Foto_13ago2012 006

Leggi il seguito di questo post »


Il sindaco sfugge da più di un anno all’incontro con i residenti del centro. Insegnamenti dal dibattito sul centro storico

17 dicembre 2012

La lettera è datata 10 ottobre 2011 (duemilaundici) ed è stata firmata da un centinaio di cittadini, in larga parte residenti in centro storico. Che con essa chiedevano un appuntamento al sindaco di Vignola, Daria Denti, al fine di “cercare soluzioni comuni ai molti problemi che negli ultimi due anni si sono intensificati nel Centro Storico di Vignola” (qui il pdf). Ma il sindaco, in altre faccende affaccendato, non ha trovato neppure un minuto per incontrarli. E da quella richiesta è passato più di un anno. Ora, dopo che si è riaccesa la querelle sul centro storico (succede periodicamente! Poi nulla cambia), dalle colonne di un quotidiano locale il sindaco risponde loro: “I residenti? Li vedrò a gennaio, come promesso” (Modena Qui, 15 dicembre 2012, p.15). Beata disinvoltura! Dopo soli 15 mesi il sindaco si “concede” ai suoi cittadini. Quelli che in campagna elettorale (ma si sa, erano altri tempi) aveva chiamato i suoi “datori di lavoro”! Ecco. Dopo l’inganno, la beffa. Comunque, è una delle tre cose che insegna questo dibattito, acceso quanto disordinato, sul centro storico di Vignola e sulle politiche da mettere in cantiere per riqualificarlo. Vediamo. Leggi il seguito di questo post »


Servirebbe un rimpasto di giunta, ma il sindaco tentenna

10 dicembre 2012

Il sindaco di Vignola, Daria Denti, ha perso una grande occasione. Avrebbe infatti potuto (e secondo chi scrive, dovuto) cogliere l’occasione della sua elezione a Presidente dell’Unione Terre di Castelli (il 16 febbraio scorso: vedi) per procedere ad un rimpasto di giunta a Vignola. Il nuovo impegno sul versante dell’Unione richiedeva un rafforzamento della giunta vignolese, così da meglio supportare un sindaco caricato di ulteriori responsabilità – con questa ragionevole argomentazione si poteva legittimare un’operazione di revisione della giunta. Con la possibilità di rimediare, in tal modo, ad uno dei più evidenti elementi di fragilità dell’amministrazione Denti in questa legislatura. Non c’è dubbio, infatti, che la squadra degli assessori scelta dal sindaco al momento dell’insediamento (vedi) risulti di basso profilo. E costituisca un oggettivo elemento di difficoltà nell’amministrare la città. Un vero e proprio handicap. Leggi il seguito di questo post »


Una exit strategy per Daria Denti?

24 settembre 2012

Diciamolo chiaramente: c’è un po’ di gente, a Vignola, che è convinta che l’attuale sindaco, Daria Denti, non si presenterà per la seconda volta alle elezioni amministrative comunali, quelle del 2014. E’ una voce che ho raccolto da più persone, sia interne al PD di Vignola, sia esterne. Non so quali siano le loro fonti e, dunque, quanto affidabili siano. Non so, ovviamente, cosa ne pensi la diretta interessata. Può dunque essere anche solo “fantapolitica”. Però, pur con tutte le cautele del caso, una tale prospettiva ha la sua plausibilità. Proviamo dunque a ragionarci. Leggi il seguito di questo post »


Daria Denti sindaco. Dopo tre anni iniziamo a fare un bilancio

20 agosto 2012

Sono passati oramai tre anni dall’inizio della legislatura e dall’insediamento dell’amministrazione Denti. E’ dunque legittimo il tentativo di formulare un primo bilancio sulle cose fatte (non tante) e su quelle non fatte (assai di più). E’ quanto vorrei provare a fare in questo post. Dico subito che l’amministrazione Denti mi sembra assolutamente inadeguata a gestire questa fase difficile in cui servirebbe coraggio (che non c’é) e competenza (anche questa non c’é, basta guardare alla composizione della giunta – per una valutazione: vedi), ma questa non è una “posizione di principio”, bensì la conclusione argomentata di ripetute osservazioni sul suo operato. Proprio di recente Maurizio Ferrera ha ricordato il ruolo di controllore, di “cane da guardia” nei confronti della politica che deve essere esercitato dai mass media, dalla società civile e, “in ultima analisi dagli elettori” (pdf). Non è affatto un compito facile, specie in Italia, dove le istituzioni pubbliche sono opache, piuttosto che trasparenti, sulla loro performance e dove mancano “agenzie” terze impegnate nella valutazione delle politiche pubbliche. Però è un compito imprescindibile e come tale deve essere svolto. Indubbiamente il mio è solo un punto di vista (ed è un punto di vista critico). Altri potranno avere una diversa opinione. Personalmente confido che un dibattito serio, a cui partecipino posizioni differenti, costituisca un elemento di ricchezza e di apprendimento. Queste sono comunque le mie considerazioni. Leggi il seguito di questo post »