I dolori del giovane Mislei (segretario del PD di Vignola)

1 luglio 2013

Non c’è solo una fase di grande disorientamento dopo le elezioni politiche del 24 e 25 febbraio 2013 – quando dal “governo del cambiamento” si è precipitati, senza neppure capire bene come, all’inciucio PD-PDL per il governo Letta (uso volutamente l’orribile espressione “inciucio” in omaggio a chi, in quei giorni, proclamava solennemente “mai con Berlusconi” e poi si è accomodato in questo “governo di servizio”, magari entrandovi a far parte – seppur dalla “porta di servizio” di un posto da viceministro). A ciò infatti si aggiunge la tribolazione di un’amministrazione vignolese che ogni giorno che passa evidenzia sempre più la propria incapacità di fare alcunché di innovativo o anche solo di significativo per la città, pur a fronte della più grave crisi economica da ottant’anni a questa parte (vedi). Come se ciò non bastasse, si aggiunge poi un’ulteriore tribolazione: le dimissioni del presidente del consiglio Giancarlo Gasparini, consigliere comunale del PD, con osservazioni critiche sull’operato del sindaco e sull’atteggiamento che questi esibisce verso la città (vedi). Il dissenso è stato, una volta tanto, reso pubblico mettendoci la faccia (altri avrebbero preferito “negoziare” una rendita o un posto da cui proseguire la carriera politica). Sono questi i problemi con cui è costretto a confrontarsi Daniele Mislei, da un anno e mezzo segretario del PD di Vignola – senza che la città abbia avvertito alcunché di nuovo dallo scorrere della lista dei segretari cittadini (vedi). Occupiamoci qui dei dolori del partito vignolese e del suo segretario – basta e avanza. Leggi il seguito di questo post »


Il favoloso mondo di Mislei, segretario del PD di Vignola

14 febbraio 2012

Come un perfetto funzionario di partito dell’epoca brezneviana Daniele Mislei, giovane neo-segretario del PD di Vignola (vedi), vorrebbe insegnare “al popolo” (i cittadini vignolesi) qual è la realtà. Quella vera. L’unica a poter essere legittimamente detta: a Vignola le strade sono pulite dalla neve! Lo sono oggi, lo sono state ieri, lo saranno domani! Con sommo sprezzo del ridicolo afferma infatti che l’amministrazione comunale avrebbe gestito in modo ottimale l’emergenza neve di questi giorni (1-12 febbraio), con particolare riferimento alla pulizia delle strade. Meglio non si poteva fare. E chi si azzarda a criticare l’amministrazione lo fa strumentalmente – su questo non ha dubbi Mislei. “Forse – conclude il segretario del PD vignolese – si trattava di un attacco generico all’amministrazione” (così su Il Resto del Carlino Modena del 13 febbraio 2012, p.11). Forse no, vorrei provare a suggerire io.

Mondi da favola (foto del 14 febbraio 2012)

Leggi il seguito di questo post »


Daniele Mislei eletto coordinatore del PD di Vignola

18 novembre 2011

Mentre scrivo questo post ha luogo l’assemblea del PD di Vignola che procederà ad eleggere coordinatore (ovvero “segretario”, secondo la vecchia terminologia) del circolo PD di Vignola Daniele Mislei, 24 anni (classe 1987), studente universitario, attuale consigliere comunale a Vignola. Poco conta il fatto che i seggi rimarranno aperti fino a domenica alle 11 e che, ufficialmente, il risultato potrà essere proclamato solo domenica a mezzogiorno. Daniele Mislei è l’unico candidato e dunque non ci saranno sorprese, sarà eletto segretario. E’ l’unico candidato secondo una prassi che vuole l’elezione del segretario come una sorta di cooptazione tramite elezione (una prassi interrotta solo nel febbraio 2008, nel momento della nascita del PD a Vignola, quando si contrapposero due candidati: vedi). L’elezione di Mislei è stata a lungo preparata. Mi immagino le figure storiche del partito, come Liliana Albertini, dire che bisognava a tutti i costi trovare una soluzione unitaria, che una persona giovane è proprio quello che ci vuole, e che all’inesperienza si potrà supplire con il valido aiuto di persone d’esperienza in segreteria (il riferimento ovviamente è a lei stessa). In fondo c’è – purtroppo – una lunga tradizione in questo partito per cui prima il gruppo ristretto di chi conta individua la soluzione, poi si cercano gli argomenti per giustificarla agli occhi del resto del partito. Questo, almeno, è quanto ho imparato in quattordici anni di militanza nel partito vignolese. Comunque, ogni nuovo segretario ha diritto ad un commento su AmareVignola e non intendo certo interrompere questa “tradizione”. Avevo espresso “consigli non richiesti” all’atto dell’elezione di Claudio Bazzani (vedi) – rileggetevi le mie considerazioni di allora e ditemi se non avevo visto giusto (vedi). Farò altrettanto con il nuovo segretario. Al lavoro dunque. Leggi il seguito di questo post »