A Natale regali del commercio equo e solidale! Alla bottega in via Portello 3 a Vignola

9 dicembre 2016

e_home-8dic2016-017

Se per il Natale in arrivo pensate di fare regali non dimenticatevi di passare alla bottega del commercio equo e solidale di Vignola, in via del Portello 3 (è all’ingresso del centro storico, lato ovest: vedi google maps). Da undici anni una piccola ma importante presenza a Vignola (la bottega venne inaugurata il 12 marzo 2005). Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Un regalo equo e solidale per Natale!

5 dicembre 2015

A_home 21nov2015 035

Se per il Natale che è alle porte pensate di fare regali non dimenticatevi di passare alla bottega del commercio equo e solidale di Vignola, in via del Portello 3 (è all’ingresso del centro storico, lato ovest: vedi google maps). Che anche quest’anno tra le opzioni per l’acquisto di regali natalizi vi sia la bottega vignolese del Commercio equo e solidale è una buona notizia. La cosa non è scontata. Ma subito dopo la seconda buona notizia è che è così da dieci anni! Quest’anno infatti si è celebrato il decennale della bottega vignolese, inaugurata il 12 marzo 2005. Dieci anni di presenza a Vignola sono cosa nient’affatto banale, visto che la bottega è gestita da volontari! Leggi il seguito di questo post »


Equo per tutti! A Vignola fino a sabato 22 ottobre promozione dei prodotti del commercio equo e solidale.

15 ottobre 2011

E’ iniziata l’8 ottobre. E proseguirà fino al 23. Si tratta della campagna Equopertutti: scegliamo i prodotti della colazione equosolidale (vedi). A Vignola l’iniziativa è promossa dalla bottega del commercio equo&solidale – LAG di via Portello 3. Un invito ad iniziare bene la giornata. E soprattutto ad iniziarla in modo equo. Inoltre nel periodo della campagna a chi fa una spesa di 20 euro viene regalato il “pacchetto colazione”: biscotti al miele, zucchero di canna Demerara, tè nero all’arancia e spezie (da sapere: la promozione non grava sul compenso dei produttori!). Insomma, affrettatevi. Rimane un’ultima settimana (a Vignola fino a sabato 22 ottobre). Ecco gli orari della bottega, gestita da volontari: martedì, giovedì e sabato ore 9.30-12.30; mercoledì, venerdì e sabato ore 16-19. E qui un invito simpatico per entrare nel mondo del commercio equo e solidale:

Leggi il seguito di questo post »


Commercio equo e solidale a Vignola. Gesti quotidiani per un mondo più giusto

25 febbraio 2011

Ci sono azioni che possono contribuire a realizzare un mondo “migliore”. Succede anche con il banale gesto di acquistare un prodotto alimentare. A condizione che sia del commercio equo e solidale. Ogni acquisto genera un’opportunità per i piccoli produttori, spesso associati, dei paesi in via di sviluppo, appartenenti alla filiera del fair trade. Oltre 5 milioni di persone in Africa, America Latina e Asia beneficiano del commercio equo, ottenendo prezzi maggiori di quelli “di mercato” per i loro prodotti (vedi). Noi, abitanti del mondo occidentale, possiamo fare la nostra parte per sostenere questo pezzo di economia più equa e per farla crescere ancora di più. Anche qui a Vignola. Come? Leggi il seguito di questo post »


Vignola diventa “Città equosolidale”!

2 aprile 2009

Sabato 4 aprile, al termine dell’inaugurazione della Festa della fioritura (prevista per le ore 10), il presidente di Fairtrade Transfair Italia, Adriano Poletti, consegnerà al sindaco Roberto Adani il riconoscimento di “Città Equosolidale” per il Comune di Vignola. Vignola entra così nell’elenco delle città equosolidali: al momento sono 34, Vignola è dunque la trentacinquesima (vedi). Giunge così al termine un percorso avviato il 27 luglio 2006 quando mi sono fatto promotore, sostenuto dagli altri capigruppo di maggioranza, di una mozione, poi approvata dal Consiglio comunale (vedi), in cui si chiedeva all’amministrazione comunale di sostenere fattivamente il commercio equo e solidale e di aderire alla campagna “Città equsolidali” lanciata pochi mesi prima. Leggi il seguito di questo post »


Domenica a pranzo si mangia il cous cous!

16 novembre 2008

Vignola, nel cuore dell’Emilia. Al centro di una terra, tra Modena e Bologna, ricca di una tradizione gastronomica di tutto rispetto. Tortellini, lasagne, crespelle, tagliatelle, tortelloni. Poi i salumi e gli altri prodotti frutto della “cultura del maiale”: zampone, cotechino, prosciutto, coppa, ciccioli, mortadella, pancetta e altro ancora. Formaggio grana. Alimenti tipici realizzati con la farina, come tigelle e borlenghi. Aceto balsamico. Tutti cibi che ancora oggi segnano l’identità di questo territorio, dal punto di vista gastronomico. Epperò qualcosa sta cambiando. Può succedere, infatti, che un giorno festivo, una domenica, un giorno in cui di solito a tavola si celebra la “tradizione” gastronomica, una famiglia anche di questo territorio si trovi a pranzare con un cibo che rompe la catena delle eredità del passato. Ebbene sì. Oggi, domenica 16 novembre, a pranzo c’é il cous cous. Ed i figli ne sono entusiasti. Un segno che stiamo perdendo il “conflitto delle civiltà”? Che ci siamo malamente arresi al fenomeno del multiculturalismo? L’ennesima testimonianza di una identità debole e dell’incombere del relativismo? Una manifestazione del “declino dell’Occidente” di spengleriana memoria? Vediamo. Leggi il seguito di questo post »


Un’altra via d’uscita

15 novembre 2008

Un’animazione video che, molto simpaticamente ed a suon di musica, illustra la causa del commercio equo e solidale. Ricorda! La Bottega del mondo è anche a Vignola: Bottega d’Oltremare-LAG in via Portello 3 (vedi).