Dieci anni di politiche locali sugli asili nido. Un bilancio ed uno sguardo al futuro

25 marzo 2012

Giovedì 22 marzo una seduta del consiglio dell’Unione Terre di Castelli è stata dedicata ai servizi per la prima infanzia. Potremmo anche dire semplicemente “asili nido”, visto che le altre tipologie sono praticamente scomparse (è rimasto un “centro giochi” a Vignola, presso il nido Barbapapà, ed uno “spazio bambini” a Castelnuovo). Circa 120 i partecipanti, nella quasi totalità educatrici o genitori. Dieci anni di gestione degli asili nido da parte dell’Unione Terre di Castelli è un traguardo importante. E’ giusto dunque provare a tracciare un bilancio. E dico subito che condivido le valutazioni degli amministratori: l’esperienza è positiva. Forse si tratta del settore, tra quelli del welfare locale, che esibisce la performance migliore. Anche se la mancanza di una legge nazionale di sostegno economico agli enti locali per la gestione degli asili nido (che oggi gravano, per la parte non coperta dalle rette delle famiglie, esclusivamente sui bilanci comunali) costituisce un grave elemento di incertezza. Comunque, se guardiamo alla situazione locale vediamo una situazione di qualità e consolidata; un’offerta sostanzialmente adeguata (oggi un po’ in contrazione); un servizio particolarmente attento anche agli aspetti “relazionali”. Fronti su cui lavorare per il miglioramento ci sono, anche se la loro precisa identificazione meriterebbe un po’ di discussione pubblica. Vediamo dunque.

L'asilo nido "Cappuccetto Rosso", a Brodano, in costruzione (foto del 13 dicembre 2003)

Leggi il seguito di questo post »


Barbapapà/4. Come fare brutta figura con un asilo nido nuovo

10 giugno 2010

Nel consiglio comunale di martedì 8 giugno una mozione del PDL è stata votata all’unanimità. Sindaco incluso. Cosa succede? Succede che quella mozione invitava l’amministrazione comunale a porre rimedio con urgenza alla situazione di forte disagio che si verifica da tempo all’asilo d’infanzia Barbapapà, un asilo nido nuovissimo, funzionante solo dal 21 settembre 2009 (vedi). Anche il gruppo consiliare del PD, dopo che la capogruppo Maurizia Rabitti aveva provato a richiedere il ritiro della mozione (senza successo), non ha potuto far altro che riconoscere che lì, in quel nido, qualche problema c’è ed è giusto – come richiesto dal primo firmatario PDL, Antonio Guarro – porvi rimedio con celerità. Anche perché è un problema che si trascina da un anno oramai, ovvero da quando la struttura è entrata in funzione. Di cosa parliamo? Parliamo dell’area verde esterna ancora inutilizzabile dopo 9 mesi dall’avvio dell’asilo nido e che anziché essere “prevalentemente pianeggiante”, come richiede la legge regionale n.1 del 10 gennaio 2000 – Norme in materia di servizi educativi per la prima infanzia – all’art.25, comma 2, è prevalentemente in pendenza! Leggi il seguito di questo post »


Barbapapà/3. Vogliamo dare un vero giardino ai bambini dell’asilo nido?

7 Maggio 2010

E’ aperto dal 21 settembre 2009, da quando cioè ha iniziato ad accogliere i primi bambini. E’ stato inaugurato il 7 novembre 2009, con discorso del sindaco e dell’assessore regionale ai servizi per l’infanzia. E’ l’asilo nido – o nido d’infanzia – Barbapapà, a cui abbiamo già dedicato due post, uno sulla genesi del progetto (vedi), l’altro sul contributo che esso offre al sistema vignolese dei servizi per l’infanzia (vedi). Sta di fatto che ancora oggi, venerdì 7 maggio 2010, a più di 7 mesi da quando l’asilo nido è entrato in funzione, i suoi piccoli ospiti sono privati dell’uso del giardino visto che si presenta come una distesa di fango.

Lavori in corso per sistemare l'area "verde" del nido Barbapapà. Ma siamo a maggio! La struttura è in funzione dal 21 settembre 2009 (foto del 7 maggio 2010)

Leggi il seguito di questo post »


Barbapapà/2. Il nuovo nido nel sistema dei servizi per l’infanzia vignolesi

22 novembre 2009

La novità dell’asilo nido Barbapapà non sta solo nelle soluzioni strutturali o nel ricorso a modalità innovative di finanziamento (il project financing). Per il sistema dei servizi per l’infanzia del Comune di Vignola ed anzi di tutta l’Unione Terre di Castelli esso costituisce una novità anche dal punto di vista gestionale. La gestione dell’asilo nido e dello Spazio bambini genitori è infatti affidato ad una società privata, la Cooperativa sociale Società Dolce Scarl (vedi), uno dei soci di Vignolazerosei Consorzio Cooperativo. Questa soluzione consente di introdurre alcune innovazioni nell’organizzazione del servizio, come, ad esempio, un’orario più esteso (il servizio è aperto dalle 7.30 alle 18). Si tratta di privatizzazione dei servizi? Leggi il seguito di questo post »


Barbapapà. Un nuovo asilo nido per Vignola

21 novembre 2009

Sabato 7 novembre, ore 16, si è svolta l’inaugurazione del nuovo asilo nido del Comune di Vignola, in località “Il Poggio”. Barbapapà, questo il nome scelto per il nuovo nido. Si tratta del nome del protagonista di una serie di fumetti creata da Annette Tison e Talus Taylor e pubblicata in Francia nel 1970 (nome che deriva dall’espressione francese Barbe à papa, che significa “zucchero filato”) (vedi).

Vodpod videos no longer available.
more about “Barbapapà. Un nuovo asilo nido per Vi…“, posted with vodpod

L’asilo nido Barbapapà sostituisce dall’anno scolastico 2009/2010 il vecchio asilo nido “Le Coccinelle”, ricavato nell’edificio dell’Opera Nazionale Maternità e Infanzia (ONMI) costruito negli anni ’30 ed ubicato in via G.Galilei. La “rottamazione” del vecchio asilo nido è giustificata da evidenti ragioni strutturali che lo ponevano in contrasto con i requisiti previsti dalla normativa regionale sugli asili nido – per questo negli ultimi anni ospitava solo sezioni part time. Molto bene dunque l’arrivo del nuovo asilo nido. L’evento è l’occasione, oltre che per descriverne sinteticamente la struttura ed il percorso di realizzazione, anche per fare il punto sul consistente impegno del Comune di Vignola nello sviluppo dei servizi per l’infanzia sotto l’amministrazione Adani. Leggi il seguito di questo post »