Lunedì 13 marzo, ore 20.30 in municipio, incontro pubblico sul NO al progetto Coop

9 marzo 2017

Volantino coop 13mar2017_DEF.jpg

Lunedì 13 marzo, alle ore 20.30 in sala consiliare (municipio di Vignola), il Comitato NO nuova Coop Vignola invita i cittadini ad un incontro per illustrare le ragioni del NO al progetto. E’ previsto anche l’intervento di un rappresentante delle associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti, Lapam-Licom, CNA di Vignola (vedi). L’iniziativa fa parte della campagna di mobilitazione (vedi) contro il progetto su cui dovrà necessariamente prendere posizione il consiglio comunale che si costituirà dopo le prossime elezioni (fine maggio-inizio giugno 2017) (vedi). Il progetto prevede la realizzazione dell’insediamento commerciale più grande della storia di Vignola (4.500 mq di superficie di vendita, ovvero +75% rispetto alla struttura attuale). E’ in gioco il futuro della città e della sua rete commerciale (tra le altre cose: vedi), quello che grazie ai tanti negozi distribuiti garantisce la vitalità del tessuto urbano. Partecipate! Leggi il seguito di questo post »


Disuguaglianza senza confini. Un testo di Ulrich Beck

6 marzo 2017

Disuguaglianza senza confini è il titolo di un libricino, pubblicato da Laterza nel 2011 (vedi), del sociologo tedesco Ulrich Beck, scomparso l’1 gennaio 2015 (vedi). Nato nel 1944, Beck divenne famoso nel 1986 con la pubblicazione del libro Risikogesellschaft, ovvero La società del rischio (Carocci, Roma, 2013: vedi). Era l’anno di Chernobyl e la particolare congiuntura richiamò l’attenzione su questo libro che interpretava la società moderna a partire dalla categoria di rischio (banalizzando: la consapevolezza che ciò che facciamo potrebbe produrre danni per qualcuno). Dunque non più società industriale o società capitalistica, ma società del rischio. Ambientale, economico, alimentare, medico, ecc. Una prosa fluida, accattivante, provocatoria aiutò la diffusione del libro che divenne un vero e proprio bestseller (in Germania e nel mondo anglosassone), dando popolarità all’autore. Disuguaglianza senza confini (57 pagine) riproduce la relazione introduttiva di Beck al congresso di sociologia su “Tempi incerti” nel 2008 a Jena. Anche se il testo non è recentissimo coglie con precisione alcuni processi in atto con cui dovremo confrontarci a lungo: il maggior dinamismo economico di paesi non occidentali e la perdita di posizioni della nostra economia, la disuguaglianza delle condizioni di vita su scala globale e gli effetti in termini di migrazioni; l’effetto del mutamento climatico in termini di rimescolamento tra disuguaglianza sociale e disuguaglianza naturale. Discorsi astratti, si potrebbe pensare. Invece interessano – dovrebbero interessare – anche le realtà locali. Anche gli amministratori comunali vignolesi (o chi si candida ad esserlo) dovrebbero cercare di aggiornare le  politiche ed i programmi di intervento all’interno di una siffatta cornice. Leggi il seguito di questo post »


Sul progetto Coop sarà chiamato ad esprimersi il prossimo consiglio comunale

4 marzo 2017

Con atto del Commissario prefettizio n.3 del 28 febbraio 2017 il “progetto Coop” (ovvero, per stare al linguaggio tecnico: PUA in variante alla strumentazione urbanistica comunale e sovraordinata finalizzato alla delocalizzazione ed ampliamento della grande struttura di vendita esistente ecc. ecc.) è rimesso al prossimo consiglio comunale, quello che uscirà delle elezioni che plausibilmente si terranno tra fine maggio-inizio giugno (la data non è ancora fissata). Il Commissario, dunque, non prende posizione sul tema (come da prassi, trattandosi di un punto eminentemente politico). Con quest’atto rinvia “l’espressione dell’assenso preliminare all’accordo stesso, ovvero alla proposta di PUA come sopra presentata, all’eleggendo Consiglio comunale una volta che quest’ultimo si sia formalmente costituito” (pdf). Leggi il seguito di questo post »


Mauro Smeraldi si ricandida. E se guardassimo a come ha amministrato?

2 marzo 2017

La riedizione della candidatura di Mauro Smeraldi era stata annunciata il 28 gennaio scorso, già in occasione dell’ultimo consiglio comunale, quello che segnò la fine prematura della legislatura (vedi). La sortita alla Caffetteria Alice in via Libertà, con contorno di giornalisti della carta stampata e di una TV locale (ed uno sparuto gruppetto dei suoi), ha confermato innanzitutto quell’annuncio: l’ex-sindaco non si tira indietro. Si ripresenterà. Nel mese trascorso dal collasso della maggioranza e della legislatura alcuni fatti sono intervenuti: è nata la “nuova” Vignola Cambia (unico tratto certo: non più lista di cittadini, ma lista del sindaco: vedi). Ed è stata scaricata la lista civica del fedelissimo alleato (ma solo quando serviva a governare una maggioranza riottosa al progetto Coop) Francesco Rubbiani. Nessuna alleanza (almeno con questi): la “nuova” Vignola Cambia correrà da sola. Certo, il candidato Smeraldi si è dimenticato di “giustificare” la decisione. Ma pazienza. Evidentemente confida nel fatto che il corpo elettorale ancora distratto (le elezioni sono ancora lontane) eviti di fare domande scomode. Ma prima di meglio articolare questa domanda è il caso di provare a chiedersi, abbozzando una risposta, quali sono state davvero le realizzazioni dell’amministrazione Smeraldi in metà legislatura. Il commissariamento del comune ci evita almeno la sventura del marketing politico realizzato con i mezzi comunali, ovvero della collettività, come sarebbe successo se il sindaco avesse amministrato fino alle elezioni. Non ci evita però il compito di tentare una risposta sulla performance dell’amministrazione Smeraldi e, soprattutto, dell’ex-sindaco. Leggi il seguito di questo post »


Prima settimana: 675 firme contro il mega-supermercato Coop

28 febbraio 2017

f_23feb2017

Prima settimana della campagna di raccolta firme, iniziata sabato 18 febbraio (vedi), contro il progetto di spostamento e ampliamento del supermercato Coop, il più grande insediamento commerciale della storia di Vignola (vedi). 675 le firme raccolte. E’ un buon risultato, ma bisogna fare molto di più. E c’è ancora tutto il mese di marzo per la petizione. Banchetti in piazza, negozi di Vignola, associazioni di categoria, singoli cittadini. Ne va del futuro della città e della vitalità della sua rete commerciale. Oltre a “consumare territorio” agricolo (cementificando circa 27.000 mq); oltre ad attrarre nuovo traffico in un’area già congestionata (l’incrocio tra via Circonvallazione e via per Sassuolo); oltre ad aumentare dunque il livello di inquinamento dell’aria che respiriamo; il nuovo mega-supermercato (4.500 mq di superficie di vendita, ovvero +75% rispetto ad oggi) punta a sottrarre ricavi per 17 milioni di euro all’anno alla rete commerciale esistente (supermercati più piccoli e negozi di vicinato), sia di tipo alimentare che extra-alimentare (abbigliamento, cartoleria, giocattoli, casalinghi, ferramenta, ecc.) (vedi). Leggi il seguito di questo post »


Nasce la “nuova” Vignola Cambia. Non più lista di cittadini, ma lista del sindaco

26 febbraio 2017

Era nata nel 2009 per cambiare Vignola. Alla prima prova del governo della città ne è rimasta cambiata. Profondamente. Tanto da diventare un’altra cosa: non più lista di cittadini, ma lista del sindaco. Certo, in lista per le elezioni comunali saranno di nuovo presenti, come in passato, 16 cittadini. Ma non bisogna farsi ingannare: chi ha seguito l’evoluzione interna ha colto perfettamente il cambiamento (vedi). Ed ora, dopo quanto accaduto in questi mesi, passo dopo passo, diviene manifesto che la lista che si proporrà alle prossime elezioni comunali a sostegno di Mauro Smeraldi è diventata un’altra cosa. Il passaggio è stato sancito in un incontro tenutosi lunedì 20 febbraio, con una netta spaccatura della lista (quello che ne rimane). 15 ancora disponibili a sostenere Mauro Smeraldi candidato (con il compromesso, sul progetto Coop, di rimettere la decisione ai cittadini tramite un referendum consultivo). 10 che invece chiedevano innanzitutto un pronunciamento della lista contro il progetto Coop (e, conseguentemente, la scelta di un candidato coerente con questa posizione). In realtà quest’ultima posizione contava pure qualche sostenitore in più, ma il percorso decisionale in due step (prima di questa decisione, la scrematura di coloro che preferivano, dopo l’esperienza tribolata della legislatura appena terminata, il lavoro “fuori dalle istituzioni” – tutti anche fortemente contrari al progetto Coop) ha portato a quell’esito. Comunque sia è nata la “nuova” (sic) Vignola Cambia. Leggi il seguito di questo post »


Al via una petizione per dire NO allo spostamento ed ampliamento del supermercato Coop

18 febbraio 2017

Si è costituito in questi giorni il Comitato NO nuova Coop Vignola per promuovere una raccolta di firme tra i cittadini vignolesi per dire NO allo spostamento ed ampliamento del supermercato Coop di Vignola (come prospettato dalla delibera della giunta municipale n.2 del 17 gennaio scorso). La fine prematura della legislatura ha infatti solo sospeso l’iter decisionale che dovrà vedere necessariamente il pronunciamento da parte del consiglio comunale che uscirà dalle prossime elezioni cittadine tra maggio e giugno. Da oggi, sabato 18 febbraio, e fino a fine marzo il Comitato raccoglierà le firme per la petizione in piazza Corso Italia ed in altri punti della città. Sarà possibile firmare la petizione anche presso diversi negozi cittadini e presso le sedi vignolesi di Confcommercio, Confesercenti, Lapam-Licom e CNA. Le associazioni di categoria si erano già espresse in passato contro il progetto (da ultimo: vedi) e sostengono dunque la petizione. Leggi il seguito di questo post »