Nuova sede della Pubblica Assistenza Vignola nell’area del “polo della sicurezza”

14 aprile 2013

Il primo edificio “pubblico” ad essere realizzato all’interno del “polo della sicurezza” non sarà la pur da tempo annunciata caserma dei Vigili del Fuoco (con annessa sede di Protezione civile e Polizia Municipale), visto che questa è oramai slittata al 2014 (o magari anche oltre – qui un’appunto sul progetto – vedi – e sulle tribolazioni progettuali: vedi). Sarà invece la nuova sede della Pubblica Assistenza di Vignola. L’associazione, sorta nel 1981 (vedi), potrà infatti nel volgere di pochi mesi dare il via al cantiere per la realizzazione della nuova sede, superando l’inadeguata sistemazione di oggi all’interno del vecchio mercato ortofrutticolo. Tutto ciò grazie ad un accordo con l’amministrazione comunale di Vignola, all’ordine del giorno nella seduta consiliare del 26 marzo scorso ed approvato all’unanimità. Il progetto è infatti del tutto condivisibile, anche e soprattutto per la localizzazione – come non lo è invece quella della nuova sede AVIS (vedi). Semmai essa rende evidente che si è persa l’occasione di organizzare in modo integrato la sede di due delle più importanti associazioni del volontariato sanitario della città. Leggi il seguito di questo post »


Cittadella del cibo alla ex-Sipe: cosa c’è dietro?

9 aprile 2013

Non è certo un caso che in tutto il percorso di “ascolto strategico e partecipazione” né amministratori né tecnici si siano presi la briga di illustrare quello che pure i documenti del PSC definiscono uno dei pochi “progetti strategici” per questo territorio, ovvero l’intervento sull’area ex-Sipe (dopo che l’Accordo di programma del 2009 è completamente saltato). Andrea Pillon, facilitatore (sic!), è riuscito a condurre cinque incontri pubblici sul PSC senza mai accennare al progetto. Tant’è che nelle “restituzioni” dei cinque incontri e del loro dibattito il tema è riportato pochissime volte ed in tutti i casi su iniziativa dei partecipanti e con idee di utilizzo del tutto difformi rispetto a quelle che carsicamente vanno prendendo corpo. Perché il progetto è quello di farci una “cittadella del cibo” – un’espressione certo accattivante, almeno a prima vista, ma il cui significato non è ancora stato chiarito pubblicamente, sebbene la formula risalga oramai a più di due anni fa e da allora sia stata utilizzata più volte (vedi). Leggi il seguito di questo post »


Uomini che odiano la terra. Villettopoli sulla collina di Castelvetro, di Roberto Monfredini

31 marzo 2013

V_Foto 23ago2008 006

Mercoledì 27 marzo in  consiglio comunale a Castelvetro si è assistito ad accuse reciproche fra maggioranza e minoranza e richiesta di portare gli atti in Procura, con gelo totale dei presenti e degli interessati presenti tra il pubblico, oltre ai giornalisti. Uno dei contendenti, il sindaco Giorgio Montanari, ha affermato che l’aumento di 1.755 mq di Superficie Utile (in aggiunta ai 2.520 mq già previsti) nella lottizzazione “Bersella”, sulla sommità della collina a Nord-Ovest del centro urbano di Castelvetro, frazionata in 21 lotti, è da vedere come una riqualificazione del territorio (sic). Prima vi erano capannoni zootecnici, ora vi sono villette, magari con piscina. Questa è la “riqualificazione”! Leggi il seguito di questo post »


Polo della sicurezza: cosa succede?

30 agosto 2012

In questi giorni su alcuni quotidiani locali (Gazzetta di Modena e Modena Qui) è stata data la notizia delle difficoltà che sta incontrando il progetto del Polo della sicurezza di Vignola (vedi). “Sul Polo della sicurezza si riparte da zero”, scrive Modena Qui del 29 agosto 2012 (p.15). Non so se è effettivamente così, ma certo sono sorte difficoltà “impreviste” – o forse facilmente prevedibili vista la conduzione politica del progetto. Da tempo sappiamo che l’originario progetto, articolato in più strutture e più servizi, è stato abbandonato (vedi). Ma adesso anche l’unico edificio che l’amministrazione Denti si era impegnata a realizzare non solo perde dei pezzi (è certo che non ospiterà, come inizialmente previsto, la nuova sede dei volontari della Pubblica Assistenza), ma sembra destinato a slittare temporalmente al di fuori di questa legislatura. Cosa succede dunque? Le notizie sono frammentarie. Come sempre succede sembra debbano essere “estorte” all’amministrazione Denti. Ed in effetti così è andata anche questa volta, visto che l’amministrazione ha fornito informazioni solo rispondendo (peraltro parzialmente e con 4 mesi di ritardo!) ad un’interrogazione del gruppo consiliare Vignola Cambia. Che appunto su quest’opera vorrebbe vederci chiaro. Leggi il seguito di questo post »


Workshop di Progettazione Vignola. E il PSC?

27 agosto 2012
Workshop progettazione 30ott2008 01Workshop progettazione 30ott2008 06Workshop progettazione 30ott2008 10bWorkshop progettazione 30ott2008 07Workshop progettazione 30ott2008 08Workshop progettazione 30ott2008 09
Workshop progettazione 30ott2008 02Workshop progettazione 30ott2008 03Workshop progettazione 30ott2008 10Workshop progettazione 30ott2008 04Workshop progettazione 30ott2008 05Workshop progettazione 30ott2008 16
Workshop progettazione 30ott2008 19Workshop progettazione 30ott2008 20Workshop progettazione 30ott2008 16aWorkshop progettazione 30ott2008 11Workshop progettazione 30ott2008 12Workshop progettazione 30ott2008 18
Workshop progettazione 30ott2008 13Workshop progettazione 30ott2008 14Workshop progettazione 30ott2008 15Workshop progettazione 30ott2008 17Workshop progettazione 30ott2008 21Workshop progettazione 30ott2008 29

Workshop di Progettazione Vignola (30 ottobre 2008), un set su Flickr.

Immagini degli elaborati grafici e dei plastici prodotti nell’ambito del workshop di progettazione “Nuovi scenari per Vignola” promosso dall’amministrazione Adani (20-30 ottobre 2008). 29 studenti delle Facoltà di Architettura delle Università di Firenze, Venezia e Ferrara si sono cimentati con il tema della riprogettazione dell’asse viario di via Bellucci, l’ex-mercato ortofrutticolo, la Stazione ferroviaria, piazza Corso Italia, viale Mazzini. Un esempio di tecniche innovative utile per impostare il “coinvolgimento” dei cittadini nella definizione del PSC da (troppo) tempo in fase di gestazione (vedi).


Inversione a U anche sul Magazzino ex-Toschi!

26 agosto 2012

Era un peccato lasciare un edificio e un parcheggio del genere, così vicini al centro della città, in quelle condizioni e inutilizzati, dunque abbiamo ragionato, per l’immobile, su un contenitore che possa ospitare le attività di almeno tre enti: l’Università della libera età N.Ginzburg, Libera contro le mafie, Le Vie Ensamble, associazione di commercianti della zona di via Libertà. Per il parcheggio, una volta riordinato, pensiamo invece a un nuovo ‘sfogo’ di posti auto a favore del centro storico.” Dice così il sindaco Daria Denti nell’ultima delle numerose interviste concesse “in esclusiva” a Valerio Gagliardelli de Il Resto del Carlino – redazione di Modena (apparsa il 15 agosto, pag. 15). E’ un peccato anche lasciare la ricostruzione della vicenda dell’ex-Magazzino Toschi ad un sindaco che dimentica, anche in questo caso, di riferire dettagli non proprio trascurabili. Come ad esempio il fatto che la scelta di andare a collocare gli archivi comunali nell’ex-magazzino Toschi, dal sindaco Denti imposta nel 2010, era stata duramente contrastata dalle minoranze in consiglio comunale. Visto che sembrava a molti del tutto irrazionale ficcare un archivio comunale in un’area che poteva essere meglio utilizzata a “servizio del centro storico”. Vediamo, dunque. Leggi il seguito di questo post »


“Diversi percorsi”. Un video sull’importanza della qualità dell’ambiente urbano

21 agosto 2012

Per arrivare alle rispettive scuole, due studenti seguono “diversi percorsi”: uno è caratterizzato da estremo degrado, l’altro rappresenta un tentativo riuscito di riqualificazione di spazi della città, che tornano a essere ambienti in grado di influenzare positivamente chi li attraversa… E’ il video realizzato da alcuni studenti dell’Isart, Liceo Artistico di Bologna (tra di essi mia figlia Sara) nell’ambito di un’iniziativa collaterale al Giffoni Film Festival 2012. Un modo simpatico per invitare tutti, ragazzi ed adulti, a prestare attenzione alla qualità dell’ambiente urbano ed a riconoscere l’importanza della dimensione estetica della città.


Nuova sede AVIS. Ancora una parola sulla pessima localizzazione

4 maggio 2012

Nelle prossime settimane prenderanno il via i lavori per la realizzazione della nuova sede AVIS di Vignola in un appezzamento di terreno di circa 12.800 mq alla confluenza tra via del Commercio e via Caduti del Lavoro, nel cuore della zona artigianale di Vignola (sic). Pensavo non ci fosse nulla da aggiungere alle considerazioni già svolte in merito a questa localizzazione disgraziata a cui ho già dedicato due post, l’ultimo dei quali riportava nel titolo: “un ottimo progetto, una pessima collocazione” (vedi). Invece l’amministrazione comunale è riuscita a rendere chiaro a tutti il pasticcio che ha combinato – urbanisticamente parlando. Vediamo perché. Leggi il seguito di questo post »


Il centro storico di Vignola sta diventando un ghetto?

15 aprile 2012

Il centro storico di Vignola è un luogo che ospita una residenza equilibrata nella composizione sociale” – così recita il testo con cui l’amministrazione comunale presenta gli incontri con i cittadini residenti nell’ambito del “Patto di cittadinanza per il centro storico di Vignola” (qui il pdf). E’ vero? Assolutamente no. E l’amministrazione comunale lo sa bene, anche perché l’allarme è stato lanciato qualche anno fa (nell’aprile 2008) su questo blog (vedi). Riconfermato nel febbraio 2010 (vedi). E viene ulteriormente confermato oggi. I dati dell’anagrafe comunale certificano infatti che il 53,4% dei residenti del centro storico sono stranieri. Questa la situazione al 31 marzo 2012. Un dato che è cresciuto nel corso di questi quattro anni passando dal 42,6% del 2008 al 49,3% del 2010. Fino a raggiungere il 53,4% di oggi. Il centro storico di Vignola sta progressivamente diventando, da un punto di vista abitativo, un “ghetto”. Ed è una condizione assolutamente da scongiurare. Sia per il centro storico, sia per gli stranieri. Ma se l’amministrazione comunale non riconosce il problema, anzi lo nega, potrà mai mettere in cantiere un programma adeguato per contrastare questo fenomeno, assieme agli altri elementi di “degrado” che lo caratterizzano? Certamente no. Leggi il seguito di questo post »


Cosa succede nel PD di Vignola? Attaccano la lista civica Vignola Cambia sbagliando bersaglio

11 ottobre 2011

Un episodio da manuale di opacità e disinformazione. Un perfetto cortocircuito tra cattivo giornalismo e pessima politica. Il fatto è passato inosservato ai più, ma a costo di dargli risonanza è bene non lasciare cadere questo episodio. Si tratta di un breve articolo – una colonna soltanto – apparso a pagina 19 de Il Resto del Carlino Modena di sabato 8 ottobre. Titolo: “Variante agricola, il PD critica le liste: «No allo sviluppo a base di cemento»”. Tralasciamo per un attimo l’ironia (involontaria?) del titolo. Chiunque conosce la realtà della campagna vignolese sa che sono le norme vigenti, risalenti perlomeno al PRG del 1998 e ad una variante del 2002, ad aver consentito uno “sviluppo a base di cemento” (vedi). Tutta roba del PD, dunque. Ad essere seri, dunque, dovrebbe trattarsi di una “ammissione di colpa”, non di un’autoassoluzione e neppure del tentativo (maldestro) di scaricare la responsabilità su altri (minoranze, liste civiche o altro). Comunque sia, la presa di posizione è legata alla variante alle Norme Tecniche Attuative del vigente PRG relativamente alle zone agricole, già adottate dal consiglio comunale in primavera ed ora prossima all’approvazione definitiva (andrà in consiglio comunale entro il mese di ottobre). Il fatto è che nella presa di posizione del PD di Vignola non ci si limita ad esprimere opinioni – magari discutibili, ma, in quanto opinioni, legittime. Si fanno, invece, affermazioni su “fatti”. Ma questi fatti non sono … fatti. Insomma, la realtà è diversa. Detto altrimenti: hanno raccontato una balla. Vediamo. Leggi il seguito di questo post »