Il PD cade ancora sulle nomine

6 settembre 2015

Dev’essere davvero difficile la vita del segretario PD modenese. Lucia Bursi, non si sa quanto convintamente, ha affermato che è stato “premiato il merito”, con riferimento alla recente nomina di Vanni Bulgarelli a presidente di SETA Spa (vedi). Novella Candide, è convinta che questo sia il migliore dei PD possibili (sic). Il resto del mondo sa che la realtà è diversa. Nessuno, ma proprio nessuno, è convinto che con questa (ennesima) nomina il PD abbia dimostrato di credere nella meritocrazia. Il commento politico più acuto appartiene, come sempre più spesso accade, al mondo della satira. Su Prima Pagina del 3 settembre scorso, il riquadro de “La pressa” riportava: “«Se nella mia vita avessi voluto fare dei soldi, non mi sarei occupato così tanto di aziende pubbliche». Così Vanni Bulgarelli dopo la nomina a presidente di Seta. In effetti, pare che siano arrivate proposte di presidenza anche da Apple e Google, solo che il fax è arrivato giusto due minuti dopo la firma del contratto.” Non ci sarebbe bisogno di aggiungere altro. Invece vorrei affrontare la “sofferenza” del PD modenese (e del suo segretario) cercando di capire, cercando una spiegazione.

Prima Pagina, 3 settembre 2015

Prima Pagina, 3 settembre 2015

Leggi il seguito di questo post »


Studio di fattibilità sulla fusione dei comuni. Un primo passo

2 settembre 2015

Giovedì 3 settembre, ore 20.30 (presso il municipio di Vignola), è prevista la prima seduta della Commissione consultiva per il progetto di riorganizzazione istituzionale (studio di fattibilità sulla fusione dei comuni). La seduta è pubblica e dunque tutti gli interessati vi possono partecipare (come uditori) – qui l’ordine del giorno (vedi). Ci si mette avanti con i lavori, insomma. Plausibilmente entro settembre si avrà conoscenza del finanziamento o meno, da parte della Regione, dello studio di fattibilità. Se le cose andranno per il verso giusto si potrà dunque procedere a studiare il se ed il come di un’eventuale riorganizzazione degli enti locali di questo territorio. A quel punto il contributo della Commissione a definire il mandato verso i professionisti incaricati dello studio (Nomisma Spa) potrà essere importante, avendo già potuto raccogliere ed articolare una serie di quesiti per orientare il confronto tra l’ipotesi della fusione di comuni e quella di una riorganizzazione dell’Unione Terre di Castelli. Sino ad oggi la “discussione” è avvenuta in circoli ristretti e non ha certo brillato per obiettività (vedi). Il tema è però assai importante e meriterebbe un minimo di “autodisciplina” da parte di tutti i partecipanti (primo, non spacciare “bufale”: vedi). Sollecitato dalla presa di posizione contraria del blog Condividere Spilamberto (di Omer Bonezzi & C.) vorrei aggiungere ancora qualche considerazione, nell’ennesimo tentativo di sgombrare il campo dagli equivoci. Leggi il seguito di questo post »


Dal 5 settembre una nuova veste per la Rocca di Vignola!

1 settembre 2015

G_Rocca decorata_5set2015

Non prendete impegni per il 5 settembre ed i giorni successivi. In quei giorni, infatti, è d’obbligo essere a Vignola per assistere al ripristino dell’antica veste della Rocca di Vignola: gli affreschi che decoravano le pareti esterne. Al seguito di un intenso lavoro durato un anno e mezzo gli affreschi quattrocenteschi che decoravano le sommità della Rocca di Vignola verranno ripristinati, sotto forma di videoproiezioni. Se tutto va per il verso giusto l’anno 2015 potrà segnare una svolta nella storia della città: non solo perché cittadini e visitatori avranno la possibilità di un tuffo nel passato, potendo vedere la Rocca come appariva 600 anni fa, ma anche perché grazie a questo “restauro virtuale”, tra i primi in Italia, la Rocca di Vignola potrà emergere divenendo un’importante attrazione su scala nazionale. Un’occasione di conoscenza – non solo di loisir – sugli esordi del Rinascimento. Leggi il seguito di questo post »