Auguri di buon lavoro a Daria Denti che presto non sarà più sindaco

Con un’intervista pubblicata oggi su Il Resto del Carlino – Modena (p.17; pdf) il sindaco Daria Denti traccia un bilancio del suo mandato 2009-2014. Il 22 gennaio scorso, in occasione di una seduta del comitato direttivo PD dal tono melodrammatico (vedi), aveva annunciato di non ricandidarsi. L’intervista sul Carlino di oggi si chiude con una domanda sulle motivazioni della non ricandidatura a cui il sindaco Denti risponde di aver “sempre ragionato sui 5 anni, non sui 10, e avendo realizzato o impostato progetti che ora potranno crescere nel tempo, ho deciso che era giusto lasciare ad altri”. Non c’è bisogno che dica che sia sul motivo della non ricandidatura che sul bilancio di mandato 2009-2014 la mia valutazione è molto diversa da quella del sindaco uscente (la vera ragione della non ricandidatura sta qui: vedi). Ma non è questo il momento di polemizzare. Ci sarà certamente l’occasione, e con un approccio decisamente più sistematico, nel momento in cui verrà reso pubblico il Bilancio di mandato 2009-2014. Immagino a breve. Qui vogliamo semplicemente augurarle buon lavoro ed un maggior successo professionale, specie se vorrà uscire dal giro degli incarichi politicamente connotati.

Il sindaco di Vignola Daria Denti e Marco Franchini, presidente dell'ASP G.Gasparini, all'inaugurazione del "giardino Alzheimer" presso la Casa Protetta di Vignola (foto del 16 giugno 2012).

Il sindaco di Vignola Daria Denti e Marco Franchini, presidente dell’ASP G.Gasparini, all’inaugurazione del “giardino Alzheimer” presso la Casa Protetta di Vignola (foto del 16 giugno 2012).

Un’ultimo pensiero per il PD di Vignola che ora qualcuno dipinge addirittura come “rivoluzionario” (sic) sotto la guida del candidato sindaco Giancarlo Gasparini. Sarebbe opportuno che si assumesse la responsabilità di aprire una riflessione pubblica, indirizzata alla città, sulle cose fatte e su quelle non fatte dell’amministrazione Denti. E tra le prime, su quelle venute bene e quelle invece pasticciate o venute male. Molti progetti rientrano infatti in queste ultime categorie. Così non è stato fatto al termine del mandato di Roberto Adani (ricordate “Dieci. La Vignola di Roberto Adani”? l’unica valutazione la trovate su AmareVignola: vedi). Così non è stato fatto neppure ora (e di certo l’approssimarsi delle elezioni non aiuta chi volesse svolgere adesso questo compito). Questa è la singolarità di un partito (e anche di una città) che vuole preservare la memoria di un passato lontano, ma è incapace di “produrre memoria” (e consapevolezza) sull’esperienza amministrativa che si va chiudendo (o anche degli ultimi dieci o vent’anni – anche una tale prospettiva sarebbe decisamente interessante). Non un incontro dedicato al tema è stato organizzato e non un documento, neppure striminzito, è stato prodotto a tal fine. Segno dell’imbarazzo che regna. D’altro canto il programma di legislatura con cui Daria Denti si era presentata agli elettori nel 2009 non è mai stato pubblicato sul sito web del comune di Vignola (un chiaro esempio dell’impegno alla trasparenza!) ed oggi è accessibile, di nuovo, solo su questo blog (vedi) – ma non (fatto singolare!) su quello del PD. Una sistematica opera di “rimozione” e “oblio”, ovvero il tentativo di imporre una propria “narrazione” degli eventi sottraendo ai cittadini dati e documenti per una valutazione critica. Questa è la politica da cambiare!

L'intervista a Daria Denti, condotta da Valerio Gagliardelli, su Il Resto del Carlino di oggi, 17 aprile 2014 (p.17).

L’intervista a Daria Denti, condotta da Valerio Gagliardelli, su Il Resto del Carlino di oggi, 17 aprile 2014 (p.17).

Succede così che neppure il PD sia in grado di parlare un’unica lingua. Si configura invece come una piccola Babele (#mistomare) in cui per alcuni l’amministrazione Denti è stato un fulgido esempio di buon governo, per altri una pessima realizzazione, per altri ancora un po’ dell’uno ed un po’ dell’altra. Faccio solo due esempi, prendendoli dai commenti su questo blog. Così Massimo Dragonetti, in lista con il PD, afferma: “l’Amministrazione Denti è stata caratterizzata da una forte chiusura, da un arroccamento attorno alla regina, da una scarsissima capacità di ascolto, confronto e partecipazione. E’ vero che ha fatto cose positive e negarlo sarebbe intellettualmente disonesto. Ma ha deluso. Punto.” Dal canto suo l’ex-sindaco Roberto Adani afferma: “un amministrazione che non è stata capace di costruire un rapporto con la città e che ha pensato di nascondere il problema annullando il partito su se stessa, emarginando il dissenso. Certo che alla fine i nodi vengono al pettine e l’amministrazione ha pagato quel che doveva, con lo stop al primo mandato”. Insomma, non certo parole consonanti con quelle dell’intervista di oggi del sindaco Denti. Riuscirà il PD ad uscire da questa schizofrenia e dunque a dare un messaggio alla città sugli ultimi cinque anni di amministrazione? E quello a cui stiamo assistendo con il “rinnovamento” targato Gasparini è semplicemente una “violenta” sostituzione di un “gruppo dirigente” (sic) ad un altro (a cui accollare tutte le responsabilità della sconfitta politica) o cambia qualcosa nel modo di fare politica e nel rapporto tra amministrazione-partito-città? I segnali sin qui raccolti fanno pensare alla prima. Ma il dibattito è aperto. Un’unica avvertenza: astenersi perditempo (ovvero: generiche affermazioni di principio).

Annunci

2 Responses to Auguri di buon lavoro a Daria Denti che presto non sarà più sindaco

  1. Lucio Credi ha detto:

    L’astro nascente all’interno del PD vignolese è sicuramente la Dott.ssa Jessica Rendina, perché molto forte/FORTISSIMA politicamente, forse la Denti doveva capirlo. Detto ciò mi sento per amicizia più legato alla rivale (non nemica) interna al mio mondo “de gauche”, cioé Daria… Sebbene debba sottolineare che i miei migliori amici adoscenziali buona parte erano i compagni di classe della Dott.ssa Rendina, che porterò sempre nel mio cuore fino alla morte, dovessi vivere 100 anni anche lontanissimo da loro. Invece con la Dott.ssa Rendina c’è un freddo distacco, ma sinceramente non conosco come si muova politicamente parlando, e che carattere abbia al di fuori della politica, e non credo sia un problema di fondamentale importanza.

  2. jrendinaj ha detto:

    ciao Lucio, mi hanno segnalato questo commento su di me che io confesso non avevo letto! sulla prima parte, non ho ben capito il senso, soprattutto di quel maiuscolo…. io sono attiva politicamente nel circolo da 5 anni, lo faccio con grande passione e impegno, poi sai, la politica è molto complessa e io sono ancora molto “giovane” da questo punto di vista…..non di età, ma di esperienza! questo per dirti che, forte o meno, provo a fare la mia esperienza mettendoci l’impegno e la voglia, oltre che l’esperienza di quasi 10 anni di lavoro in Comune di cui 7 nei servizi sociali. se sarà poi vera gloria, lo lasceremo dire ai posteri come si dice 🙂
    sul “distacco” che tu dici, mi dispiace se lo percepisci come freddo; non ti sto a fare una pantomima sul mio carattere, perchè non dovrei essere io a farla! credo di essere in genere portata alla socialità, e penso che questo sia solo perchè non abbiamo mai avuto un giro di amicizie, e quindi occasioni, condivise. Anche i nostri amici comuni che citi non li frequento più da almeno 10 anni, se non in qualche occasione ufficiale e molto sporadica; ma resto comunque disponibile se vuoi scrivermi o segnalarmi qualcosa, soprattutto di rilevanza politica.
    ciao e a presto
    Jessica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: