Dalle politiche 2013 alle comunali 2014 a Vignola

Può essere utile provare a prefigurare alcune ipotesi sulle elezioni comunali che si terranno a Vignola nel 2014 alla luce del risultato, qui da noi, delle elezioni politiche 2013. Certo, per fare questo dobbiamo accettare un buon grado di approssimazione. E sorvolare sulla differenza tra elezioni politiche ed elezioni comunali per la scelta del sindaco. Dobbiamo approssimare dati di coalizione non omogenei nelle elezioni tenutesi dal 2009 ad oggi. Dobbiamo accettare l’incertezza in merito alle strategie che gli attori politici locali saranno in grado di mettere in campo nell’anno o poco più che manca alle elezioni comunali del 2014. Ciò nonostante ci sono alcune considerazioni che si possono fare e che risultano sufficientemente plausibili. In ogni caso esercizi di questo genere aiutano a fare i conti con la realtà (e da essi si apprende proprio se i risultati previsti sono poi difformi da quanto la realtà consegna – come insegna proprio quest’ultima tornata elettorale).

Una Vignetta di Altan, 2013

Una Vignetta di Altan, 2013

[1] Nel giugno 2009 il candidato a sindaco Daria Denti vinse al ballottaggio, dopo esser stata sostenuta al primo turno da una coalizione (PD, IdV, Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, lista civica Vignola Noi) che ottenne 5.953 voti (il 45,28%) su un totale di 13.146 voti (i votanti furono complessivamente 14.153, pari al 78,67% dei 17.991 aventi diritto) (vedi). Di quella coalizione oggi rimane di fatto solo il PD – tutti gli altri sono prossimi all’estinzione, oltre che essere approdati ad altri lidi (IdV, Comunisti Italiani, ecc. sono approdati in “Rivoluzione Civile” che a Vignola ottiene 231 voti, pari all’1,63%). Se ipotizziamo una coalizione PD-SEL a Vignola (tutta da costruire, in verità) e prendiamo i dati delle politiche 2013 il quadro che ne risulta sarebbe il seguente (utilizziamo solo i dati della Camera, visto che per votare al Senato servono 25 anni). Alle politiche 2013 (17.527 aventi diritto; 14.521 votanti, pari all’82,85%; 14.129 voti validi) il PD ha ottenuto 5.561 voti (pari al 39,36%) e SEL 319 voti (2,26%). Nell’ipotesi di una coalizione si arriva a 5.880 voti (41,62%). Già questo primo ragionamento grossolano ci dice che, con ogni probabilità, non ci sarà una vittoria al primo turno (come nel 2009). Se poi prendiamo in considerazione il candidato sindaco (ipotizzando una conferma di Daria Denti), le sue qualità personali, la performance dell’amministrazione in questa legislatura (assolutamente deludente: vedi), la non vittoria al primo turno risulta ancora più probabile. Occorrerebbe affiancare ad una tale (ed ipotetica) coalizione una (o più di una) “lista civica” con almeno il 15% dei voti per avere possibilità, per una coalizione centrata sul PD, di una vittoria al primo turno. Che una tale operazione possa essere realizzata con successo mi sembra altamente improbabile (anche se chi scrive pensa che Daria Denti, se effettivamente pensa di ricandidarsi – cosa non scontata: vedi, sia già all’opera per imbastire una sua “lista civica”). Più probabile un nuovo ballottaggio, con le incertezze del caso.

Una vignetta di Marco Dambrosio, in arte Makkox, febbraio 2013

Una vignetta di Marco Dambrosio, in arte Makkox, febbraio 2013

[2] Vediamo cosa ci dicono i dati di oggi sulle forze politiche di centrodestra. Alle politiche 2013 il PDL ottiene 2.135 voti (15,11%), la Lega Nord 433 voti (3,06%), altre liste minori della galassia del centrodestra ottengono altri 377 voti (2,67%). Nel complesso 2.945 voti (pari al 20,8%). Alle comunali del 2009 i voti della “coalizione” di centrodestra (che però al primo turno si presentò divisa) furono 4.452 (pari al 33,87%). Come a livello nazionale anche a livello locale il centrodestra risulta fortemente ridimensionato (ed è difficile vedere motivi di inversione del trend da qui a un anno). E’ molto probabile, dunque, che non sia il centrodestra il competitor della coalizione PD all’eventuale ballottaggio del 2014.
[3] La vera sorpresa delle elezioni politiche 2013 è il Movimento 5 Stelle che alla Camera, a livello nazionale, è risultato il primo partito (25,5%). A Vignola il risultato della lista di Beppe Grillo non è molto distante dal risultato nazionale. Con 3.283 voti ottiene il 23,24% (a livello provinciale ha il 23,4%). Da solo supera in misura significativa tutto il centrodestra. Sebbene ad oggi non si rilevi una presenza significativa di attivisti del Movimento 5 Stelle a Vignola (diversamente da quanto sta avvenendo vicino a noi, ad esempio a Spilamberto e Castelvetro) a questo punto non ci vorrà molto ad imbastire una lista per le prossime elezioni comunali, aprendosi la possibilità (con buonissima probabilità) di andare al ballottaggio con la coalizione PD. Ed è una sfida già riuscita a Parma (anche se quella città era amministrata nelle precedenti legislature dal centrodestra) e che potrebbe riuscire anche a Vignola. Certo, questa prospettiva ha un effetto collaterale: quello di ridurre drasticamente le chances della lista di cittadini Vignola Cambia di essere competitiva alle prossime elezioni comunali (nel 2009 ottenne 985 voti, pari al 7,49%). Vedremo se saprà ridimensionare questo handicap con un’adeguata strategia.

Una vignetta di Altan, 2013

Una vignetta di Altan, 2013

[4] Queste grossolane considerazioni trascurano aspetti importanti della futura competizione elettorale delle comunali 2014. I candidati a sindaco e la strategia delle forze politiche che li sostengono sono i primi tra questi. Ma l’impressione è che la loro importanza risulti sopravvalutata. Solo quando alcuni di questi saranno noti sarà possibile formulare qualche pronostico meno grossolano. In ogni caso al momento materiale per una riflessione ce n’è in abbondanza.

PS Qui i risultati delle elezioni politiche 2013 a Vignola, per l’elezione della Camera dei Deputati (pdf). Per chi sia interessato alle elezioni comunali 2009 a Vignola qui sono a disposizione un po’ di informazioni e commenti (vedi).

Annunci

7 Responses to Dalle politiche 2013 alle comunali 2014 a Vignola

  1. Luciano Credi ha detto:

    Ad un’eventuale lista civica pensa già la Denti?

    Forse.

    Comunque nella lista civica precedente l’unica persona ad avere esperienza consigliare se non sbaglio, mi sembra che fosse la signora Lina Trenti, che prese pochissime preferenze, anche se penso che sarebbe stata un ottimo assessore allo sport, quantomeno per l’esperienza che ha in questo settore.

    Io partecipai alla cena di presentazione di Vignolanoi, perché all’epoca ero cordialmente conoscente di alcuni candidati di questa lista, c’era anche Adani.

    Io venivo da esperienze all’estero, cosa che ho ripreso dopo le amministrative del 2009, quindi feci amicizia con alcuni della lista incontrati in biblioteca, insomma dopo lunghi periodi lontani da casa, le prime frequentazioni che uno ha con il proprio paese d’origine, non sono sempre amicizie intime (compagni di scuola, d’oratorio…), ma piuttosto conoscenze più o meno cordiali.

    Sarebbe interessante chiedere ai lavoratori italiani in Germania, in Svizzera, in Belgio… dopo vent’anni d’assenza dal loro paese, con chi cominciano di nuovo ad attaccare pezza al loro rientro? Forse con il bottegaio…

    Detto questo Vignolanoi é una semplice lista… che non voglio prendere di mira per amicizia, anche se penso definitivamente passata, ma quantomeno anche se tenue passata, quindi esistita.

    Fare una bella coalizione per il 2014 potrebbe essere più complicato, ma casomai pensare anticipatamente a come farla é meglio, in modo da non mettere assieme cozzaglie all’ultimo minuto, questo principio vale per tutti anche per Vignolacambia, cosa che da molto tempo Andrea, sto cercando di dirti.

    Sicuramente se la Denti presenterà una lista civica sarà più politica di quella del 2009, perché sarebbe in grado di capire meglio gli umori del paese; anche Vignolacambia aveva gente di grande cultura politica come il prof. Giovanni Ricci; questo é stato importante per la sua affermazione.

  2. stefano ha detto:

    Carissimo Andrea , vedo che non si è aspettato tempo per cercare di imbastire una ”love stori” con il movimneto 5 stelle da parte di Chiara Smeraldi !!
    Quindi non sarei preoccupato delle chances di Vignola Cambia .
    Una cosa mi preoccupa : anche il leader di questo impetuoso movimento è un po’ incoerente con quello che ha scritto sul suo programma ; nel 2003 si avvale dello stesso condono fiscale Berlusconiano da lui più volte criticato, nel 2005 gli viene contestato un reddito imponiblie di 4272000 euro, nel 2009 si dichiara legato da sempre a rifondazione comunista ( i finanzieri trovano una ferrari, una barca a motore ed una casa in Svizzera con relativo conto corrente). Nel 2006 dichiara che non sarebbe mai sceso in politica (fonda un movimento 5 stelle).
    Ha rapporti con Casaleggio e le banche; nel 2004 apostrofa la Montalcini come vecchia puttana,
    dichiara ”avanti i giovani” e propone Fo come Presidente della Repubblica. Insomma … l’incoerenza mi sembra essere di casa anche qui !!!

  3. sergio smerieri ha detto:

    Stefano la campagna elettorale è finita eh…ma puoi continuare a denigrare tutto e tutti se ti fa piacere.
    Ma vorrei rispondere a Paltrinieri velocemente… Il movimento 5 stelle a Vignola c’è già ma si chiama VIGNOLA CAMBIA. Ora, se la nostra lista civica saprà presentarsi compatta sul programma ( tra l’altro molti punti collimano) e con un candidato fortemente motivato, al ballottaggio andrà Pd e Vignola Cambia…
    Chiaro che se ci addormentiamo…il M5S trova spazio e humus già pronti.
    Ti sei chiesto proprio perchè a Vignola non ci sia già un M5S ? per me la risposta è in quello che ho scritto…

  4. stefano ha detto:

    Carissimo Sergio , io non denigro nessuno ( anzi forse non sai che sto collaborando con Andrea su alcuni temi ) . Vorrei consigliarti invece di tranquillizati e di cerca di capire quello che ho scritto che per altro è tutta documentato nero su bianco!! E’ di oggi l’ultima esternazione del Grillo ” Bersani è un morto che parla ” .!!!
    Adesso non è il caso di distruggere tutto e non è il caso di favorire certi inciucci . Sul fatto che Vignola Cambia sia il movimento 5 stelle di Vignola , permettinmi di dirti che ho una maggiore considerazione delle persone che ne fanno parte , quindi ( attualmente per come si comporta e per quello che dice Grillo ), non riesco ad accomunarvi .

    • sergio smerieri ha detto:

      Stefano..fattene una ragione..molti di Vignola Cambia hanno votato 5 stelle. delle due una quindi….

      • stefano ha detto:

        Io me ne faccio una ragione , mi auguro te la faccia anche tu !!! Forse sbaglio , ma molti non sono tutti !!!!Comunque se sei felice tu… lo sono anch’io .
        Buon fine settimana .

  5. lanfrancoviola2011 ha detto:

    Tra le tante similitudini,tra il Centro Storico abbandonato di Vignola,con tanto di castello dei Contrari e quello,ugualmente dimenticato da DIO e dagli uomini,di Ferrara con il castello Estense,c’è anche la stessa scadenza elettorale del 2014. per l’amministrazione Comunale
    Sarà interessante vedere cosa accadrà alla luce della nuova offerta politica proposta dal M5S.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: