Discariche di rifiuti umani ai margini della città?

E’ stato Zygmunt Bauman, sociologo, ad usare l’immagine dei rifiuti e precisamente dei “rifiuti umani” per rappresentare la condizione degli esseri umani scartati dalla “modernizzazione” – vite di scarto, appunto (vedi). Sottoprodotti delle migrazioni internazionali, ma non solo. Non c’è bisogno di andare molto lontano per incontrarli. Li si trova in qualche casa di campagna abbandonata. Li si vede nelle “baraccopoli” che continuamente sorgono, vengono sgombrate, si spostano, ri-sorgono ai margini della città. In questi giorni se ne sono accorti anche molti passeggeri del treno Vignola-Bologna. Tra la stazione di Casalecchio Garibaldi e quella di Casteldebole, nel Comune di Bologna, su una proprietà privata, un terreno abbandonato ed incolto, è rispuntata una tendopoli improvvisata, con “alloggi” fatti di cartoni e teli di nylon. Non si tratta necessariamente di clandestini. Di certo sono persone “ai margini”, “esseri umani scartati” perché al momento in “esubero”, “eccedenti”, sempre per usare le crude espressioni di Bauman.

Un riparo improvvisato nei pressi di Casteldebole, fotografato dal treno Vignola-Bologna (foto del 21 marzo 2012)

[1] Nelle zone marginali della città di Bologna, nelle aree verdi degradate o semplicemente lontane dagli sguardi dei cittadini e delle autorità, si trovano alcuni insediamenti di persone “senza dimora” o, meglio, che come dimora hanno una baracca o una tenda improvvisata. Dell’esistenza di questi insediamenti la cittadinanza viene a conoscenza quando diventano oggetto di cronaca, in occasione delle azioni di sgombero – i primi interventi risalgono almeno al 2002 (vedi). Le più eclatanti nel lungo Reno, sotto l’amministrazione Cofferati (vedi). Le ultime ai Prati di Caprara, prima a fine settembre 2011 (vedi), poi di nuovo nel gennaio 2012 (qui il video dell’intervento di sgombero dei Carabinieri: vedi). Ma con grande rapidità si riformano, magari un po’ più in là. L’area in questione, quella sul lato ovest dei binari della Vignola-Bologna, dopo Casalecchio Garibaldi, è una di quelle che periodicamente vede formarsi questi insediamenti provvisori. Una ventina o forse più di “alloggi” improvvisati. Nel 2011 sono rimasti fino a dicembre, quindi l’inverno ha costretto alla ricerca di altri ripari. Poi sono ricomparsi agli inizi di marzo 2012.

La tendopoli sorta lungo la ferrovia Vignola-Bologna, tra Casalecchio Garibaldi e Casteldebole (foto del 21 marzo 2012)

[2] Chi sono? Nell’area dei Prati di Caprara, nel settembre 2011, un’azione di sgombero “ha permesso di identificare 32 cittadini rumeni (di cui 14 donne), di età prevalentemente compresa tra i 18 e i 40 anni, 17 dei quali pregiudicati, tutti in Italia senza fissa dimora e nullafacenti. Per tutti è scattata una denuncia in stato di libertà per il reato di invasione di terreni ed edifici. Per tre di loro, inoltre, se ne è aggiunta un’altra per essersi trattenuti sul territorio nazionale nonostante su di loro pendesse un provvedimento di allontanamento” (vedi). Non so se anche la tendopoli di Casteldebole sia riconducibile ad un gruppo composto esclusivamente di rumeni. Non è improbabile, tuttavia, che anche in questo caso la maggior parte degli occupanti di questi alloggi “di fortuna” (sic) non possa venir imputato che del reato di occupazione abusiva di una proprietà privata. Comunque sia, si tratti di “casi” per il servizio sociale o invece per le forze dell’ordine, occorre resistere alla tendenza a “non vedere” questa realtà. Perché, per quanto “rifiuti” della società “moderna”, ovvero “vite di scarto”, si tratta pur sempre di “rifiuti” umani.

Alcuni dei ripari improvvisati nell'area di Casteldebole. In primo piano i binari della ferrovia (foto del 22 marzo 2012)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: