Teatro Ermanno Fabbri. Un anno dopo

8 novembre 2011

Domani, martedì 8 novembre, prende il via la seconda stagione teatrale del Teatro Ermanno Fabbri. E’ passato più di un anno dall’inaugurazione, avvenuta il 2 ottobre 2010, e la prima stagione teatrale è alle spalle. Si sarebbe trattato di un successo secondo il sindaco Daria Denti e secondo il presidente della Fondazione di Vignola, Giovanni Zanasi, sponsor dell’iniziativa. “Non possiamo che essere estremamente soddisfatti della stagione inaugurale del Teatro Ermanno Fabbri”, ha affermato il sindaco. Uguale soddisfazione ha espresso il presidente della Fondazione. Entrambi hanno però dimenticato di raccontare per intero la storia. E’ certo che per valutare la misura del “successo” del teatro vignolese non è opportuno affidarsi per intero agli uffici stampa. Sarebbe invece opportuno affidarsi ai numeri: sia a quelli relativi all’affluenza, sia a quelli circa il costo per la collettività della stagione teatrale. Ma i primi sono troppo sintetici, mentre i secondi mancano completamente. Non ne trovate traccia da nessuna parte nel sito web del comune di Vignola (tantomeno in quello della Fondazione), né in documenti ufficiali. Proviamo comunque a dire qualcosa di significativo. E ad impostare, almeno, un ragionamento che andrà comunque ripetuto con i dati precisi necessari per valutare questa iniziativa. Leggi il seguito di questo post »


Il punto di vista degli utenti sulla ferrovia Vignola-Bologna: pubblicato il Rapporto dell’audit civico 2011

6 novembre 2011

Il 22 e 23 luglio scorso, l’associazione degli utenti “In prima classe per Bologna-Vignola” ha realizzato la prima esperienza regionale di “audit civico” applicato ad un servizio ferroviario, grazie all’azione di una “squadra” di 9 utenti-soci. L’audit civico è una metodologia di valutazione della qualità dei servizi in cui i cittadini-utenti giocano un ruolo attivo (vedi). I cittadini-utenti, cioè, diventano i valutatori del servizio e ne analizzano una serie di aspetti nel modo più oggettivo possibile. Come nelle usuali metodologie di audit la valutazione avviene utilizzando una check-list in cui sono contemplati i diversi aspetti del servizio rilevanti al fine di determinarne la qualità complessiva. Il Rapporto dell’audit civico 2011 è stato presentato alla stampa nella giornata di ieri, sabato 5 novembre 2011 alle ore 11, presso il municipio di Bazzano (BO) (qui il testo in pdf del Rapporto).

Leggi il seguito di questo post »


Ferrovia Vignola-Bologna in 200 scatti

5 novembre 2011

Il 22 e 23 luglio l’associazione “In prima classe per Bologna-Vignola” ha realizzato il primo audit civico (vedi) per rilevare la qualità del servizio ferroviario, con particolare riferimento alle stazioni della linea. Nella slideshow sono proposte alcune delle foto scattate nel corso dell’audit civico e nelle giornate successive. La presentazione segue la sequenza delle 18 stazioni della linea, da Vignola a Bologna Centrale.
Vodpod videos no longer available.

Ferrovia Vignola-Bologna in duecento scatti (Au…, posted with vodpod

Leggi il seguito di questo post »


“Alberi e città”, la settimana di festa agli alberi del comune di Vignola. Il trailer

3 novembre 2011

Dal 5 al 12 novembre il comune di Vignola realizza la manifestazione “Alberi e città“. Un’intera settimana per “fare la festa” agli alberi di Vignola (vedi). Vi mostriamo in anteprima il trailer della manifestazione.


Che fine ha fatto il piano per il risanamento delle acque sotterranee?, un comunicato di Legambiente

2 novembre 2011

L’1 novembre Legambiente Modena ha rilasciato un comunicato in cui critica duramente l’ipotesi di utilizzo delle acque del fiume Secchia per alimentare l’acquedotto della città. L’evento non riguarda il territorio vignolese, ma un territorio poco distante da noi. E’ il segno di una difficoltà crescente nella gestione del “bene comune” acqua. Ed è bene prestare attenzione a questi eventi, visto che tale soluzione potrebbe essere proposta successivamente per altri territori. Per questo riteniamo opportuno pubblicare il comunicato stampa di Legambiente anche su AmareVignola.

Senza alcun confronto con i cittadini ma, a quanto sembra, anche con l’Autorità d’Ambito, a cui per legge spetta il compito di organizzare, affidare e controllare il servizio idrico, il Comune di Modena e quello che dovrebbe essere il mero gestore del servizio idrico integrato, la multiutility HERA, hanno proposto di realizzare un impianto per potabilizzare l’acqua del Secchia e per immetterla nell’acquedotto cittadino in sostituzione delle acque delle falde inquinate dai nitrati. Si tratta di una proposta che rappresenta una vera e propria inversione di rotta rispetto alle pluridecennali politiche locali di uso delle risorse idriche, che destinavano le acque sotterranee al consumo umano riservando agli altri usi quelle superficiali, meno pregiate. La traversa di Castellarano e l’acquedotto industriale sono il frutto di tali politiche. Leggi il seguito di questo post »


Festa degli alberi o festa agli alberi? Il cattivo marketing ambientale dell’amministrazione Denti.

1 novembre 2011

“Intorno a questa festa, per questo secondo anno, siamo riusciti a costruire un bel programma di iniziative”: come ad esempio l’evento “Dal fusto al truciolo”. La mostra “Segature”. E il mercatino del legno di tiglio per camino. Sono alcuni degli eventi della settimana “Alberi e città” del comune di Vignola, in programma dal 5 al 12 novembre. Scherzo. Ma non troppo. Non tanto sul programma, che potete vedere qui (pdf). Ma sul senso dell’iniziativa di un’amministrazione che con gli alberi non scherza, come abbiamo visto in questa prima metà della legislatura. Ricordiamo i principali “eventi”: 56 alberi tagliati nel 2009 sui viali alberati in città; circa 40 sulla salita del “Gessiere” (vedi); 27 tigli in via Barella (vedi); circa 30 nell’area del “dancing” al Castello (vedi); alcuni esemplari di “bagolari” su Viale Vittorio Veneto (vedi) e, da ultimo, due “bagolari” in testa a viale G.Mazzini (vedi). Adesso hanno annunciato il taglio di 25-30 tigli in via Libertà (vedi). Certo, ne sono anche stati piantati di alberi. E’ stata ripristinata la pratica, prescritta per legge, di un albero per ogni nuovo nato (vedi). Il risultato lo potete vedere al “Parco dei nuovi nati” (quello sulla sommità della salita del Gessiere, lungo la strada per Castelvetro): delle piantine praticamente invisibili sono state messe a dimora in diversi punti (peraltro senza un progetto complessivo) ed una parte di queste si sono seccate in quest’estate calda e secca (visto che il personale del servizio verde pubblico era impiegato ad affiggere i festoni di Bambinopoli, piuttosto che dar acqua agli alberi). Altri alberi sono morti nelle poco curate zone di verde pubblico della città, anche in questo caso per mancanza di acqua e manutenzione. Che questa conduzione del verde pubblico venga ad essere celebrata con la “festa degli alberi in città” è davvero stupefacente. Leggi il seguito di questo post »