Mercoledì 2 dicembre: presentazione del “Progetto Brasile 2009”. Non mancare!

E’ mercoledì 2 dicembre, alle ore 21 presso la Sala dei Contrari (alla Rocca di Vignola), la presentazione del “Progetto Brasile 2009”. 40 ragazzi dai 17 ai 21 anni, accompagnati da un po’ di adulti (tutti scout del gruppo Agesci Vignola 1), sono andati per tre settimane, nell’agosto di quest’anno, a Riacho Grande, un quartiere nella periferia della periferia di São Paolo (vedi). A fare che cosa? In proposito ci sono diverse versioni. Per gonfiare il proprio ego? Per toccare con mano la realtà della fortissima disuguaglianza sociale di uno dei paesi economicamente più importanti al mondo? Per vedere da vicino l’operato di Luiz Inácio Lula da Silva, il presidente ex-metalmeccanico alla guida del Brasile dal 2003 (vedi)? Per lavorare di badile e cazzuola nella speranza di lasciare il mondo un po’ migliore di come l’hanno trovato? Forse l’unico modo per saperlo è partecipare alla serata. L’ingresso è libero. Le emozioni assicurate. Non mancare!

One Response to Mercoledì 2 dicembre: presentazione del “Progetto Brasile 2009”. Non mancare!

  1. Gherardo Grassoni ha detto:

    Bella iniziativa complimenti, certo che a vedere come vivono in brasile qualche riflessione viene. il bello è che i brasiliani non sono nemmeno un popolo di emigranti. Anzi in brasile ci sono alcuni ammirevoli missionari, molti italiani che falliti in italia cercano di fregare i brasiliani e un vasto campionario umano che quando va bene va a donne approfittando della situazione di estrema povertà. I brasiliani invece, trans a parte, sostanzialmente non emigrano. Ma provare a vivere con loro nelle loro baracche nutrendosi di granchi estratti dal fango forse ci farebbe guardare in modo un poco diverso all’extracomunitario di turno che fugge da situazioni a volte anche peggiori. Io li vorrei vedere certi geni della politica a vivere in una capanna di cartone, senza pavimento, fognature, a fare la fame, senza assistenza sanitaria, con unica prospettiva quella di ubriacarsi. Quanto ci metterebbero a saltare su un gommone? Spero che questi ammirevoli ragazzi non si dimentichino la disperazione in cui vivono milioni di persone che nonostante molti italiani dicano di volerli vedere affogare in fondo al mare, ci accolgono con il cuore in mano, sia quando andiamo per aiutarli, anche se in realtà stiamo aiutando soprattutto noi stessi a ritrovare un minimo di umanità, sia quando andiamo per sfruttarli, perfino quando andiamo a puttane. Si può fare tanto anche stando a Vignola, E non parlo di sfruttarli o andare a puttane! (come stiamo facendo) Grazie comunque agli scout che stasera ci hanno ricordato che nei giovani ci può ancora essere speranza …chissà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: