Luca Gozzoli: tutto il fiato che serve per amministrare bene Vignola

testata_gozzoli

Per presentare la propria candidatura Luca Gozzoli ha prodotto un pieghevole i cui contenuti sono riportati anche nel sito web www.lucagozzoli.eu. Una presentazione di un candidato alle primarie non è certo un “programma” nel senso stretto del termine. Il programma, infatti, è in corso di definizione da parte di tutto il Partito Democratico con l’organizzazione di appositi forum tematici a cui tutti i cittadini che intendono dare un contributo possono partecipare. Però nella presentazione di un candidato emergono alcune “anticipazioni” o, forse meglio, alcune tematiche frutto di una particolare sensibilità. La scelta di un candidato piuttosto che un altro non stravolge certo il programma del PD di Vignola, ma non si può neppure dire che da questo punto di vista – quello del programma e della sua “credibilità” – un candidato vale l’altro. E’ indubbio, infatti, che il “valore aggiunto” di un candidato sta nella sua particolare “sensibilità” per alcune tematiche piuttosto che altre; per l’autorevolezza con cui si propone e che sarà determinante nel rapporto con gli interlocutori istituzionali (specie dei livelli sovraordinati), ma anche con i comuni cittadini; nello “stile” che lo contraddistingue nel suo impegno quotidiano e nel suo rapporto con altri. Leggendo la presentazione di Luca Gozzoli io sono colpito, tra i diversi temi sollevati, da tre questioni.
[1] Luca Gozzoli scrive: “da dieci anni, guido solo auto a Gpl e metano”. A qualcuno potrà sembrare un dato banale. A me sembra che non lo sia. Per una ragione molto semplice. Anche a livello locale sentiamo sempre più l’esigenza di riorientare il nostro modello di sviluppo verso una maggiore compatibilità ambientale (anche la crisi economica in corso, che pure avremmo preferito evitare, può costituire una chance da questo punto di vista: vedi). Questo significa rafforzare le norme che promuovono una maggiore attenzione all’ambiente tutto il settore produttivo, dall’industria, all’edilizia, ai servizi, al commercio. Significa mettere in campo servizi di supporto ed incentivi per supportare questa “riorganizzazione” produttiva. Significa al tempo stesso incidere sui comportamenti personali perché la nostra vita complessiva – non solo la nostra attività economica – sia più rispettosa dell’ambiente. Significa, ad esempio, motivare e sostenere la raccolta differenziata dei rifiuti, il riciclaggio od anche politiche di riduzione della produzione dei rifiuti (es. alla bottega del commercio equo e solidale di Vignola vendono detersivi ecologici sfusi!). Significa promuovere una maggiore attenzione ai consumi idrici, un minor utilizzo dell’auto (muoversi di più a piedi od in bicicletta o con i mezzi pubblici – assolutamente da potenziare e qualificare) e, dovendo usare il mezzo privato, prediligere i modelli meno inquinanti. Adottare comportamenti rispettosi dell’ambiente vuol dire farsi carico di qualche disagio in più, a fronte di benefici per sé e per tutta la collettività (ma i disagi sono personali, i benefici spesso collettivi). Questa asimmetria del rapporto costi-benefici richiede un forte impegno alla promozione dei nuovi comportamenti, sia con norme adeguate, sia con l’impegno a motivare (dare informazioni e buoni argomenti, ma anche dare l’esempio personalmente). Ed un primo cittadino che su questi aspetti da per primo il buon esempio è certamente una risorsa per la comunità. A proposito, lo stesso tema poteva essere sviluppato circa il nesso tra esercizio fisico, stile salutare di vita e mantenimento della salute (altro ambito in cui abbiamo bisogno di riorientare i nostri comportamenti), visto che Luca Gozzoli pratica con continuità gare di fondo e mezzofondo (da qui lo slogan: “tutto il fiato che serve”).
[2] Se il primo tema richiama la coerenza tra aspetti privati ed impegno pubblico, il secondo passaggio che mi ha colpito riguarda invece maggiormente il ruolo di amministratore e le competenze che servono per “guidare” bene una città. Scrive Luca Gozzoli: “È centrale la capacità di ascolto e concertazione, il rapporto corretto con le associazioni di categoria e il coinvolgimento positivo degli interlocutori.” Ci sono due questioni dietro a questa affermazione. La prima riguarda lo stile di leadership. Vignola ha bisogno di amministratori che, proprio perché sono impegnati in un opera di grande trasformazione della città (nuovi edifici e spazi pubblici, nuovi servizi, ecc.), mettano anche tutto il loro impegno nella comunicazione, nel coinvolgimento, nell’ascolto dei cittadini singoli ed organizzati. Questo stile di ascolto e coinvolgimento Luca Gozzoli lo ha già manifestato in questa campagna elettorale, coinvolgendo ad oggi più di 150 cittadini in incontri faccia a faccia, spesso della durata di 1 o 2 ore! C’è bisogno di decisioni e di decisioni in tempi certi, ma c’è bisogno di decisioni il più possibile condivise (pur sapendo che quasi mai è possibile avere l’approvazione di tutti). C’è bisogno di innestare momenti di grande confronto con la città (pensiamo ai temi contenuti nel PSC ed alla valorizzazione del territorio che esso prefigura), inventandosi anche modalità innovative per coinvolgere i cittadini (a volte usando anche l’arte, la cultura o momenti ludico-espressivi per richiamare l’attenzione su di un tema). E Luca Gozzoli giustamente scrive: “Ci richiede decisioni condivise, che siano nello stesso tempo veloci e sagge. Scelte che nascano dalla capacità di ascolto di tutte le persone che hanno voglia e desiderio di migliorare il nostro vivere quotidiano con competenza, autorevolezza ed esperienza. E che sappiano insieme portare innovazione di pratiche e di idee producendo un impegno comune, ciascuno per la sua parte e le sue capacità, nell’interesse di tutti.”
[3] Il terzo tema riguarda anch’esso le politiche ed il modo di fare amministrazione. Ed è un tema molto sentito da tutti i cittadini. Tema che Luca Gozzoli ha colto nella sua presentazione, affermando: “I servizi pubblici, non solo del Comune e dell’Unione, devono essere efficienti e accessibili. Le file al Cup o le difficoltà a contattare Hera dovranno essere un ricordo del passato.” Riflette una problematica che si è manifestata negli ultimi dieci anni a seguito di un processo di progressiva “esternalizzazione” di funzioni e servizi che sono stati affidati ad aziende rispetto a cui l’amministrazione comunale ha manifestato una debole capacità di controllo. Anche in questo caso il fenomeno si inscrive in una problematica più ampia che tecnicamente prende il nome di governance (vedi). La questione è che se affidando i servizi di pulizia della città e di raccolta e smaltimento dei rifiuti l’amministrazione può contare oggi su di una maggiore capacità di investimento sul territorio (es. rinnovo impianti) e su competenze tecniche di più alto livello, è anche vero che ha perso capacità di indirizzo e controllo e molti cittadini sperimentano un peggioramento della qualità del servizio. Per governare questa nuova fase occorre capacità di intervento su due fronti. Quello dei meccanismi istituzionali che consentano all’amministrazione (assieme ai rappresentanti degli utenti) di partecipare alla definizione degli standard di servizio e di monitorarne il rispetto. Ma, ugualmente importante, quello dell’influenza politica che un sindaco può e deve esercitare nei confronti dell’azienda, se necessario, anche facendosi sentire telefonicamente una volta al giorno! Su questo aspetto l’azione dell’amministrazione deve fare un salto di qualità (pensiamo anche al versante del trasporto pubblico locale e della ferrovia Vignola-Bologna: vedi) – un aspetto di cui Luca Gozzoli è pienamente consapevole e rispetto a cui annuncia tutto il suo impegno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: