IVG e donne straniere

Una indagine promossa dall’Istituto Superiore di Sanità unitamente all’Agenzia di Sanità pubblica della Regione Lazio ha evidenziato la crescita della pratica dell’Interruzione Volontaria della Gravidanza (IVG) tra le donne immigrate straniere (vedi Il Sole 24 Ore – Sanità 27 dic.2005-2 gen.2006). L’indagine rilevava che le donne straniere ricorrenti all’IVG sono passate dalle 8.967 del 1995 alle 31.836 del 2003, arrivando a rappresentare il 25,9% del totale (si consideri che a livello nazionale le donne straniere nel 2003 non superavano il 4% delle donne residenti). L’indagine citata rilevava anche un quadro “desolante” per quanto riguarda la contraccezione e le elementari conoscenze sessuali (quasi la metà delle intervistate non era in grado di identificare correttamente il periodo fertile). La crescita dei casi di IVG tra le donne straniere è il risultato di una situazione preoccupante in cui il ricorso all’IVG sembra rimediare alla mancata pratica contraccettiva. Questo il quadro nazionale. E da noi? Il problema è ugualmente presente, anzi ancora di più, vista la forte presenza di immigrati stranieri. Delle IVG praticate da donne residenti nel distretto di Vignola il 50% riguardano donne straniere: 63 su 127 IVG nel 2007 (pari al 49,6%). Ciò a fronte di un’incidenza delle donne straniere sul totale della popolazione femminile residente di circa il 10%. E’ vero che i due dati non sono immediatamente confrontabili, visto che diverso è il profilo per età. Tra le straniere manca la popolazione anziana ed è invece preponderante quella in età fertile (le donne in età feconda sono il 65% tra le donne straniere e solo il 43% nel complesso della popolazione femminile). In ogni caso, tra le donne in età fertile, le straniere incidono per circa il 15%. E’ plausibile, tuttavia, che questi dati segnalino la mancanza di una cultura contraccettiva, ovvero di un controllo delle nascite con mezzi contraccettivi. Alcune iniziative per fronteggiare questo problema si stanno mettendo in campo. Si segnala, ad esempio, la positiva iniziativa della Regione Emilia-Romagna che, nel maggio 2007, ha prodotto un opuscolo informativo – La contraccezione. Conoscere per scegliere – in otto lingue, messo in distribuzione presso i consultori familiari. La Regione Puglia sembra però essere la prima ad andare oltre la semplice offerta di informazione, consentendo la distribuzione gratuita di anticoncezionali a donne a basso reddito ed a donne straniere (vedi Il Sole 24 Ore del 2 aprile 2008, p.34). A livello locale occorre un’azione maggiormente capillare verso le famiglie straniere (importante sarebbe allora anche un’analisi dell’incidenza dell’IVG tra i diversi gruppi nazionali) con iniziative di piccolo gruppo e con la responsabilizzazione delle realtà associative (affinché collaborino alla promozione di iniziative sul tema). Occorrono dunque maggiori risorse, sia umane che economiche, per il consultorio familiare (il Servizio Salute donna). Secondo i dati forniti dall’Azienda USL di Modena (a seguito di una mia interrogazione) le utenti del consultorio familiare del Distretto di Vignola nel 2007 sono state 5.986 (di cui 1.083 donne straniere, pari al 18,1%); le utenti residenti a Vignola 3.571 (di cui 802 donne straniere, pari al 22,45%). Insomma, c’è da fare. E sarebbe una buona occasione per un’azione coordinata tra azienda sanitaria, amministrazioni comunali, associazioni di stranieri.

La consistenza del fenomeno è confermato dalla Relazione sull’interruzione volontaria di gravidanza in Emilia-Romagna nel 2007. Alcune tendenze, maggio 2008, documento predisposto per l’Assessorato alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna. Nel 2007 le IVG effettuate da donne straniere sono risultate pari al 42% del totale degli interventi avvenuti nelle strutture regionali. Vedi, in particolare, le pp.2-3 del Rapporto (pdf 297KB).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: