Esprimere solidarietà e reagire con determinazione. Ma senza strumentalità

“Libere di correre. Camminata contro la violenza”. Questa iniziativa, promossa dall’associazione 8 marzo di Savignano, da altre associazioni di donne, dal Centro Documentazione Donna di Modena e da Cgil, Cisl e Uil di Vignola, va nella giusta direzione. Una camminata da Piazza Falcone, in centro a Savignano s.P. (ritrovo sabato 10 maggio ore 15.30), a piazza dei Contrari a Vignola, passando per il “percorso Sole”. Un modo per manifestare “affettuosa e forte” solidarietà e per richiamare l’attenzione di tutti sul tema della violenza alle donne (vedi). E’ un’iniziativa promossa dalla società civile, speriamo con la partecipazione di tanti cittadini, rappresentanti delle istituzioni, esponenti di tutte le forze politiche. Mi sembra che voglia rappresentare, assieme alla solidarietà, anche la ferita ricevuta, tramite un crimine odioso, da una comunità civile. Vedo invece il rischio della strumentalizzazione nella fiaccolata promossa dalla Lega Nord per lunedì sera. Una cosa colpisce (e ferisce) nella nota in cui viene comunicata l’iniziativa: si parla delle “nostre donne” che si sentono insicure – come se gli episodi che pure avvengono nei confronti di donne “non nostre” fossero affari che non ci riguardano. Purtroppo quando la politica si appropria strumentalmente dei drammi umani riesce solo a distruggere e non a promuovere una cultura dell’attenzione, del rispetto, della solidarietà. Oltre a distruggere la propria credibilità (ma questo è certamente il danno minore).

(Più in generale mi sembrano di grande intelligenza le considerazioni della sociologa Chiara Saraceno su La Stampa del 7 maggio 2008 che rappresenta il disagio dei cittadini comuni quando gli episodi di criminalità vengono “letti politicamente”; vedi)

Libere di correre. L\'arrivo del corteo a Vignola

Libere di correre, l’iniziativa promossa da diverse associazioni di donne è riuscita bene. Tra i 300 ed i 400 i partecipanti. Tanti i cittadini comuni (moltissime le donne), molti amministratori (tra cui il sindaco di Spilamberto, Francesco Lamandini, in rappresentanza dell’Unione Terre di Castelli) ed esponenti di partiti. Numerosi anche i cittadini stranieri. Nella foto l’arrivo del corteo a Vignola.

3 Responses to Esprimere solidarietà e reagire con determinazione. Ma senza strumentalità

  1. ivana gibellini ha detto:

    La camminata di sabato 10 maggio, contro la violenza, è stato per noi un momento di grande bellezza e civiltà.

    Nessuna di noi si aspettava una tale partecipazione soprattutto se si pensa che la marcia è stata ideata ed organizzata in due soli giorni.

    Come donne abbiamo ritenuto doveroso mobilitarci in segno di solidarietà verso la donna che ha subito l’aggressione ma anche tentare di frenare sul nascere facili sentimenti di odio verso le comunità di stranieri che convivono con noi su questo territorio, consapevoli che non si può rispondere alla violenza con altra violenza.

    Siamo persuase che i problemi che l’immigrazione ci sta ponendo dinnanzi debbano essere analizzati con serietà e le risposte di una comunità non devono rischiare di scivolare nella facile equazione immigrazione uguale violenza; questo sarebbe dannoso per tutti.

    La giornata di sabato ci ha dimostrato che una grande maggioranza di cittadini dell’Unione Terre di Castelli è ancora pervasa di emozioni e sentimenti che, se colti in tempo, possono portare alla partecipazione, alla solidarietà e a reazioni costruttive e creative.

    Desideriamo ringraziare tutti coloro che hanno partecipato. Un ringraziamento particolare alle Associazioni che hanno aderito: Gruppo 8 marzo Savignano, l’UDI Unione Donne in Italia Modena, l’Associazione Gruppo Donne Giustizia, il Centro Documentazione Donna di Modena, l’Associazione Donne Nel Mondo, l’Associazione Differenza e Maternità, l’Associazione Arcobaleno a 360°, Cgil Cisl Uil.

    Si ringraziano inoltre le istituzioni locali e i rappresentanti dei partiti che erano davvero numerosi.

    Come donne speriamo che l’affetto ed il calore che ci abbiamo messo, siano arrivati almeno un poco alla donna vittima della violenza.

    Come cittadini ci auguriamo che questo momento di forte unità e solidarietà possa essere l’inizio di una nuova partecipazione più attiva alla vita della comunità.

    “Le donne di Savignano”

  2. Marcello ha detto:

    complimenti per l’iniziativa democratica e per il successo che ha avuto

  3. Andrea Paltrinieri ha detto:

    Grazie Ivana. Grazie a te per essere riuscita ad esprimere nel migliore dei modi il sentimento di chi ha promosso l’iniziativa. Solidarietà, innanzitutto. Quindi volontà di affrontare il problema, con determinazione e serietà. Grazie alle donne, alle associazioni ed alle organizzazioni sindacali che con te hanno ideato ed organizzato questa iniziativa. Che testimonia la “ricchezza” civile di questo territorio! Questa è vera ricchezza!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: