Considerazioni sul voto dell’8-10 febbraio

E’ buona cosa analizzare con lucidità il voto per l’elezione del coordinatore del Partito Democratico di Vignola, avvenuto in occasione dell’assemblea cittadina dell’8-10 febbraio 2008. Nella competizione tra due candidati – giocata correttamente – io vi scorgo degli elementi essenzialmente positivi. Ritengo inoltre incoraggiante anche il 30,3% dei voti ricevuti. Che ne dite?

Elogio della competizione elettorale
Davvero in tanti, tra le persone con cui mi sono confrontato, hanno salutato positivamente la competizione tra due candidati per la scelta del segretario del PD di Vignola. La prima cosa che dobbiamo riconoscere, allora, è che la competizione, quando giocata con correttezza (dunque non “competition is competition”), è un fatto positivo. Positivo perché offre la possibilità di scegliere, evitando uno dei mali della politica: la cooptazione dei dirigenti. Positivo perché impegna i candidati a dare il meglio di sé, in termini di idee, impegni, iniziative. Positivo perché – visto che c’è una reale posta in gioco per cui “partecipare conta” – stimola la partecipazione (a Vignola, anche solo pochi giorni prima del voto, nessuno aveva previsto 560 votanti!). Positivo perché dà maggiore forza a chi vince (per realizzare il suo programma, la sua “visione” del Partito Democratico a Vignola), anche nei confronti dei propri “supporter”. L’esperienza della competizione vignolese (uno dei pochissimi comuni della provincia di Modena dove i candidati in lizza erano più di uno) testimonia che è possibile una competizione vera senza creare tensioni negative nel partito.

Più forza al messaggio del rinnovamento e del cambiamento del modo di fare politica
Sia io che Vera ci siamo presentati proponendo un messaggio di rinnovamento della politica. La competizione ci ha portato ad impegnarci pubblicamente per un partito che vogliamo più aperto, con processi decisionali più trasparenti, più coraggioso. Questi sono impegni che –indipendentemente da chi ha vinto, per il solo fatto della competizione e degli impegni che essa ha spinto a proclamare – oggi hanno più forza, proprio perché la competizione ha richiesto a ciascuno di noi di affermarli con forza e di impegnarsi pubblicamente a realizzarli. Qualcosa di simile a ciò che Jon Elster chiama la forza civilizzatrice dell’argomentazione pubblica. Il candidato che ha vinto si è impegnato nel rinnovamento e si sente tenuto a mantenere l’impegno. Il candidato che ha perso costituirà il pungolo (oltre che un ausilio, certo) perché il rinnovamento sia reale.

Il 30,3%: poco o tanto?
Indubbiamente rispetto all’obiettivo di essere eletto – per cui occorre il 50% dei voti più uno – i 169 voti da me avuti (pari al 30,3%) sono pochi. Consideriamo però che con Vera Ricci erano schierate le persone più influenti dei due “vecchi” partiti, tra cui il sindaco, due ex-sindaci (Gino Quartieri e Liliana Albertini), gli ex-segretari di DS e Margherita (Massimo Calzolari e Giampaolo Marchiorri), il presidente della Provincia, e che tutti questi si sono attivamente impegnati in campagna elettorale per “mobilitare” persone conosciute e portarle a votare … Allora il 30,3% dei voti non è un risultato affatto malvagio, anzi va considerato un buon risultato. Di chi, non da oggi, lavora per cambiare il modo di fare politica (e penso di averlo dimostrato anche con questa “campagna elettorale”).

Ancora coraggio!
Grazie Francesco per avermi aiutato a mettere a fuoco il fatto che il coraggio deve diventare un tratto distintivo della politica (e soprattutto del PD), sia nazionale che a Vignola. Ho provato a ricordare, nel mio discorso in assemblea il venerdì sera, che già in diversi passaggi il Partito Democratico ha dimostrato coraggio. Hanno dimostrato coraggio DS e Margherita nel decidere di sciogliersi per dare vita ad un nuovo partito. Ha dimostrato coraggio il PD quando ha deciso di organizzare le primarie del 14 ottobre per l’elezione del segretario nazionale – a cui hanno partecipato 3,5 milioni di cittadini (il “big bang” democratico!). Ha dimostrato coraggio il PD quando ha deciso che in tutti gli organi elettivi ci deve essere un numero pari di uomini e di donne. Non consideriamolo un dato banale! Per la politica italiana è una vera rivoluzione – non scordiamolo mai! Ha dimostrato coraggio Valter Veltroni quando ha annunciato che alle elezioni politiche del 13 e 14 aprile il PD correrà da solo – o comunque solo con alleanze che garantiscano per davvero che se si va al governo, poi si riesce a governare davvero. Ma adesso le prove di coraggio dobbiamo darle anche a livello locale, con il nuovo Partito Democratico di Vignola! Occorre procedere ancora in avanti, per realizzare un partito aperto, trasparente, che riconosce e premia il merito anche al suo interno – altrimenti come potrebbe essere credibile quando propone questi ideali per la società tutta? Ed occorre realizzarlo a partire dal territorio, dunque anche a Vignola. Questo è il mio impegno e l’impegno di tanti.

2 Responses to Considerazioni sul voto dell’8-10 febbraio

  1. Ciclostile ha detto:

    Vorrei segnalare il sito http://www.ciclostile.it, che tra le altre cose contiene il feed Twitter di Veltroni e il manifesto “Un’Italia moderna si può fare” del Partito Democratico. Tra parentesi, vorrei anche congratularmi per il tuo blog.

  2. Marcello ha detto:

    Il voto è stata un’esperienza sicuramente positiva. Lo considero il primo passo verso una “glasnost” e un’apertura all’esterno ancora più ampia. La base vuole potersi esprimere non solo sulle cariche locali ma anche sui contenuti, e questo blog, come il sito del PD sono una buona occasione per esporre i contenuti e stimolare le scelte dei dirigenti. Quanto al tuo risultato può essere certamente incoraggiante se partivi da una posizione di tale svantaggio. Certamente i contenuti e le idee dovranno contare sempre di più rispetto agli sponsor.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: