Il PD a Vignola: un partito coraggioso

Nei dieci giorni che sono trascorsi da quando ho annunciato pubblicamente la mia disponibilità a candidarmi come coordinatore del Partito Democratico di Vignola ho incontrato più di 60 persone, tra iscritti al PD, persone interessate o rappresentanti delle forze economiche e sociali del territorio. Altre ne incontrerò nei giorni restanti prima dell’assemblea del PD prevista per venerdì 8 febbraio. Sono stati incontri individuali o a piccoli gruppi, così che ciascuno potesse esprimere osservazioni ed aspettative sul nuovo partito a Vignola. Oltre ad aver raccolto attestati di stima ed apprezzamento per la mia candidatura, ho registrato fortissima una valutazione positiva della competizione in atto, in quanto si tratta di una competizione di idee e di competenze ed in quanto tale non può che essere salutare per il nuovo partito. Ho avvertito la forte voglia di partecipare, di impegnarsi per dare davvero alla politica il volto di un servizio per la collettività. Tutto ciò è stato per me di grande incoraggiamento e mi ha spinto a confermare la mia candidatura a coordinatore del circolo del PD di Vignola.
In questi incontri mi ha colpito in particolare la richiesta di coraggio indirizzata al nuovo partito. I cittadini di Vignola, gli elettori delle primarie, gli iscritti al PD chiedono un Partito Democratico coraggioso. Coraggioso nell’aprirsi a nuove persone e nel cercare di coinvolgere le energie intellettuali e morali migliori della nostra città. Coraggioso nell’organizzare i processi interni di decisione in modo trasparente e realmente partecipato. Coraggioso nel confrontarsi con costanza con le realtà economiche, sociali, associative della città. Coraggioso nell’analizzare anche criticamente la propria esperienza e dunque nel tendere sempre a migliorare la propria capacità di raccogliere i bisogni ed i suggerimenti dei cittadini per tradurli in decisioni politiche, in indirizzi sul futuro della nostra città. Coraggioso nell’affrontare senza indugio anche temi impegnativi e di lungo periodo come la tutela del nostro territorio, la sicurezza della città, la promozione di comportamenti rispettosi dell’ambiente, l’integrazione dei cittadini stranieri.
Mi ha colpito anche la forte volontà di partecipare sin dall’inizio a costruire il nuovo partito, richiedendo un modo nuovo di fare politica e suggerendo i temi prioritari della sua azione. Ho ricevuto numerosi contributi – tante persone hanno voluto mettere per iscritto le proprie considerazioni ed i propri suggerimenti – e questo mi ha spinto ad integrarli, grazie ad un lavoro collettivo tuttora in corso, in una sorta di programma. Un programma che ha al centro un’idea di città da disegnare insieme, passo dopo passo, perché il PD di Vignola che tutti mi hanno chiesto di contribuire a costruire è un partito plurale, aperto, capace di ascoltare, ma anche di fare scelte coraggiose. Per illustrare e discutere queste considerazioni, questa visione del nuovo partito, questi punti del programma sei invitato ad un incontro pubblico martedì 5 febbraio, alle ore 20.30, in municipio a Vignola.

PS. Nei prossimi giorni renderò pubblico anche su questo blog la proposta di programma per il PD di Vignola. Se vuoi contribuire alla sua realizzazione o se sei interessato a fare due chiacchiere sulla visione politica che il nuovo partito dovrebbe sviluppare scrivi a: andrea.paltrinieri@terredicastelli.it

One Response to Il PD a Vignola: un partito coraggioso

  1. […] del segretario del febbraio 2008, che mi ha visto coinvolto, in alcuni post (vedi1, vedi2, […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: