Fatti … da consigliere

Il 20 dicembre 2007 si è costituito il gruppo consiliare del Partito Democratico anche a Vignola. Come avevo da tempo anticipato mi è sembrato opportuno lasciare ad altri l’incarico di capogruppo, che avevo invece nei Democratici di Sinistra. E’ dunque tempo di un bilancio di questi primi tre anni e mezzo della legislatura (dal giugno 2004 al dicembre 2007). Delle cose fatte da consigliere e da capogruppo DS. Innanzitutto in termini di partecipazione: sono l’unico ad essere stato presente a tutti i consigli comunali di questa legislatura (52 consigli comunali, dal primo – il 19 luglio 2004 – all’ultimo – il 20 dicembre 2007). Sempre per stare ai numeri: sono autore di 26 ordini del giorno o mozioni (uno dei modi in cui si esercita la funzione di indirizzo del consiglio comunale) su diversi temi: dalla promozione del commercio equo e solidale alla celebrazione delle festività civili, dalla riorganizzazione dell’assistenza sociale con la costituzione della nuova Azienda di Servizi alla Persona alle politiche culturali dispiegate in modo coordinato e con percorsi partecipati a livello d’Unione (i Piani di Zona per la Cultura!), dall’adeguamento dell’organico nelle scuole dell’infanzia statali di Vignola ai “buoni casa”, ai nuovi “istituti” di partecipazione come l’istruttoria pubblica. Sono anche autore di 45 interrogazioni al Sindaco ed agli assessori (l’ultima sulla situazione di degrado dell’autostazione), a riprova del fatto che anche la funzione di controllo e di valutazione delle politiche dell’amministrazione (oltre alla funzione di indirizzo) è di primaria importanza per i partiti di maggioranza che siedono in consiglio.
Da consigliere ho promosso la costituzione del Forum per i cittadini stranieri dell’Unione Terre di Castelli (primo firmatario dell’emendamento al Bilancio di previsione 2005), il potenziamento dei servizi per l’infanzia (più posti negli asili nido di Vignola!), l’incremento delle risorse per le associazioni di volontariato, la riqualificazione del verde pubblico (ce n’è ancora da fare!), la riorganizzazione dei “servizi sociali” del Distretto con la costituzione dell’ASP “G.Gasparini”, oltre a non aver mai fatto mancare il mio contributo sugli atti più importanti dell’amministrazione (bilancio, regolamenti, programmi degli investimenti, ecc.). Ugualmente importante, tuttavia, è stato il lavoro per recuperare quella funzione (“di indirizzo e controllo”) che la legge assegna ai consigli comunali. Significa fare discussioni serie ed approfondite degli atti fondamentali di bilancio, portare in consiglio comunale programmi e rendicontazioni degli organismi di secondo livello (l’Unione Terre di Castelli, il Coiss prima, l’ASP ora), stimolare l’attività di rendicontazione al consiglio e di informazione ai cittadini da parte dell’amministrazione. A qualcuno potrà sembrare poco. Però, provare per credere …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: